Ha fatto scalpore, pochi giorni fa, secondo cui il valore odierno di alcune monete del passato abbia raggiunto cifre davvero importanti: stiamo parlando delle monete cosiddette "in Fior di Conio", ossia praticamente intatte nel tempo, senza essere state oggetto di graffi o usura. I fior di conio sono particolarmente preziose perchè sono le equivalenti di quelle che possiamo trovare nelle collezioni dei numismatici.


Questo non vale soltanto per le monete, ma anche per le banconote che proprio grazie ad imperfezioni e a particolari anomalie, hanno acquistato nel tempo un particolare valore. Vediamo di riassumere quali sono le "rarità" ricercate in questo momento e che potrebbero essere pagate "fior di quattrini" pur di averle.


Se siete in possesso di:
  • 100 lire coniate nell'anno 1955 e delle 50 lire coniate nell'anno 1958;
  • 5 LIRE DEL 1956
  • 10 LIRE 1947
  • 2 LIRE 1958
  • 50 LIRE 1958
allora potreste avere in mano un piccolo patrimonio che potrebbe essere pagato dai 2000 fin'anche a 5000 euro.


Per quanto riguarda le banconote "introvabili" o quasi, prestate attenzione a questi tipi di biglietti:
  • 50 Euro, con filo di sicurezza visibile controluce con la scritta '100 euro', invece della classica "50". Il suo valore è di circa 350 euro. 
  • 100 Euro, con errore di taglio: anche qui il valore è di circa 300-350 euro. 
  • 5 Euro, possono valere fino a 100 euro a secondo delle cifre. Le banconote devono essere in "Fior di Stampa" e naturalmente conservate in ottime condizioni. 
  • 500 Lire, con doppia stampa fronte-retro: valore fino a 150 euro. 
  • 1.000 Lire, con errori di stampa o di taglio: valore fino a 300 euro. 
  • 2.000 o 10.000 Lire, con errori di inchiostro o taglio, valore fino a 150 euro.