Alcuni Comuni italiani, per evitare il completo degrado di molti immobili hanno deciso di venderli a prezzi veramente irrisori, si parla di una simbolica cifra di 1 euro. Andando nello specifico si scopre che le case in questione sono situate a Salemi in provincia di Trapani, a Gangi in provincia di Palermo, a Carrega Ligure in provincia di Alessandria e a Lecce nei Marsi in provincia dell'Aquila. L'iniziativa riguarderebbe principalmente le coppie giovani, che avrebbero l'opportunità di acquistare una casa ad un costo di modesta entità, considerando il fatto che il solo onere è quello di assumersi la responsabilità di ristrutturazione e di apprezzamento dell'immobile acquisito, da tenere presente che non verrebbero a mancare gli incentivi da parte dello Stato e dell'Europa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Salemi fu il primo comune ad optare per questa soluzione e come ricorderete fu proprio Vittorio Sgarbi a quel tempo sindaco del paese a promuovere questa iniziativa, proprio per ovviare alla trascuratezza del centro storico. Furono circa 10mila gli assensi, in particolare a nome di molti personaggi famosi come Renato Brunetta, Katia Ricciarelli, Vladimir Luxuria e Alain Elkann, peccato che non ebbero seguito, anche per il fatto che molte case furono ritenute sul punto di crollare e per questo motivo successivamente sequestrate dalla procura. Oltre a ciò, vi furono delle problematiche riguardanti la criminalità organizzata, in quanto pare fosse interessata a questo progetto.
  • Gangi, dal canto suo lanciò la stessa iniziativa, con la sola differenza che proponeva gli immobili completamente gratuiti. Si trattava delle caratteristiche case del luogo “a castello” erette su tre o quattro piani, che il più delle volte necessitavano di una totale ristrutturazione, per il semplice fatto che erano a rischio crollo. In questa circostanza vi furono all'incirca mille partecipazioni, da precisare che Gangi era un paese che cresceva mediante la produzione di bestiame e di agricoltura e proprio per questo motivo la popolazione si stava diramando. Negli ultimi anni vi è stata una considerevole ripresa del mercato immobiliare, tanto che ben 60 abitazioni sono state consegnate gratuitamente e 48 sono state aggiudicate ad un costo rappresentativo.
  • Carrega Ligure, diede il via all'iniziativa per contrastare l'allontanamento da parte della popolazione, tanto è vero che da 3mila cittadini si è giunti a circa cento abitanti. Il programma è risultato sin dall'inizio intricato, a causa delle problematicità amministrative in relazione alle operazioni catastali per frazionamento e voltura. Nonostante ciò, questo progetto è riuscito a smuovere vecchie credenze, che andavano ad ostacolare a livello culturale il commercio dei ruderi a nome dei regolari proprietari.
  • Lecce dei Marsi, è un paese che non tocca nemmeno i 2mila abitanti e la preoccupazione maggiore è che non sia e non dovrà essere danneggiato da commerci edilizi, visto che ci si trova nel Parco Nazionale di Abruzzo. Per ulteriori informazioni e per accogliere l'iniziativa sarà sufficiente collegarsi tramite internet ai vari Comuni. Se volete continuare essere aggiornati dovrete cliccare il tasto “Segui” in alto a destra vicino al nome dell'autore.







#mutuo casa #Crisi economica