Cara pensione, devo integrarti. Ormai con il solo assegno previdenziale si andrà poco lontano e pertanto è necessario doverlo integrare. Una possibilità è la previdenza integrativa attraverso la quale si mette da parte una certa somma all'interno dei fondi #Pensioni. Andiamo a vedere come funzionano e quali sono i migliori fondi pensione. Al termine del periodo di versamento nel fondo pensione si avrà diritto alla riscossione della somma versata più gli interessi maturati o con una vera e propria liquidazione o sotto forma di rendita vitalizia (da non confondere quest'ultima con i vitalizi dei politici che Boeri dell'Inps vorrebbe tagliare). 

Come vengono investiti i contributi versati per la previdenza complementare?

Il fronte della tipologia degli investimenti è molto importante per la scelta di un determinato fondo.

Pubblicità
Pubblicità

Ad esempio, nel caso dei fondi negoziali e dei fondi aperti, nel portafoglio benchmark si ritrovano quattro tipologie di comparti: azionari, obbligazionari, bilanciati (che in linea di massima investono in azioni e in obbligazioni nella stessa percentuale) e garantiti (che offrono una garanzia di rendimento minimo o di restituzione del capitale versato al verificarsi di determinati eventi, ad esempio, al momento del pensionamento). Solitamente coloro che sono ancora lontani dal pensionamento puntano per opzioni di investimento più rischiose. Chi è prossimo, invece, punta a forme meno rischiose facendo anche un pensierino alla pensione anticipata. Ciò potrebbe offrire l’opportunità di avere rendimenti maggiori nel lungo periodo.

Pertanto, possiamo dire che la scelta del miglior fondo pensione dovrà dipendere in base a una serie di variabili: propensione al rischio, costi di gestione del fondo pensione, tipologia lavorativa (se siete dei lavoratori dipendenti provate ad aderire al fondo chiuso di categoria e avrete diritto al contributo del datore di lavoro). Queste sono considerazioni importanti da fare prima di andare a scegliere il fondo pensione più adatto.

Pubblicità

Infatti, è poco corretto affermare che esiste un fondo pensione migliore di tutti gli altri o che ci sia il miglior fondo pensione tout court. In realtà le variabili sono tantissime e cambiano di anno in anno. Pertanto è bene osservare il rendimento di una determinata tipologia di fondi pensione nel medio-lungo periodo. Così si potrà fare una valutazione chiara e prevedere con un margine di errore molto basso quale potrà essere il rendimento in futuro.

Così abbiamo scelto di individuare i fondi pensioni con i migliori rendimenti per due delle tre tipologie attualmente selezionabili (aperto e chiuso) andando a vedere le tabelle del Covip e osservando il dato sul rendimento medio degli ultimi tre anni. Come è intuibile, i migliori fondi pensione sono quelli con una percentuale alta di investimento nell'azionario. Vediamo insieme.

Rendimenti fondi chiusi: i tre migliori

Negli ultimi tre anni rendimento sopra il 12% per i fondi pensione Fopen (comparto “Prevalentemente azionario” - 70% azionario) e Fondosanità (comparto “Espansione” - 75% azionario).

Pubblicità

Poi troviamo il fondo Gomma Plastica (comparto “Dinamico” - 70% azionario), con rendimento superiore all'11%.

La top 3 dei migliori fondi aperti

Qui classifichiamo i migliori tre fondi aperti secondo i dati raccolti e pubblicati dal Covip sul proprio sito. Percentuali di rendimento fra il 14,15% e il 12,94% per i migliori fondi pensione aperti negli ultimi tre anni. La medaglia d'oro va al fondo pensione aperto a contribuzione definita Insieme di Allianz che investe per il 95% in azioni. Sopra il 14% di rendimento anche il fondo Arca previdenza fondo pensione aperto comparto Alta crescita che investe nel 95% in azioni. Ancora Allianz sul gradino più basso del nostro podio virtuale dei fondi pensione con il fondo Previras comparto Azionario Internazionale con un investimento in azioni per il 90% e un rendimento nei 3 anni del 13,39%.