La legge sulla Buona #Scuola contiene norme sulla mobilità docenti che alimentano molte preoccupazioni, anche i sindacati denunciano la poca chiarezza e l'incompatibilità con i trasferimenti.

Pubblicità

In seguito a diversi incontri con il #Miur, i sindacati riportano sia novità sia numerosi dubbi sulle norme del nuovo CCNI; sembra chiaro che non tutti i docenti parteciperanno sullo stesso piano alla mobilità straordinaria organizzata in fasi:.

Pubblicità

  • la prima fase coinvolgerà, a livello nazionale, i docenti assunti a tempo indeterminato entro il periodo riguardante l'a.s. 2014/15;
  • la seconda fase riguarderà i docenti neoassunti nel 2015, che a questo punto potrebbero essere destinati a partecipare ad un doppia roulette nazionale: una inerente l'assegnazione della provincia, e un'altra per la sede provvisoria. I docenti assunti quindi nelle fasi B e C rischiano seriamente di essere stabilizzati in via definitiva in una provincia diversa non solo da quella di iscrizione in GaE, ma anche da quella provvisoria.
  • il personale docente già assunto in ruolo a tempo indeterminato alla data di entrata in vigore della legge Buona scuola, se successivamente risulterà in esubero o soprannumerario sarà assegnato agli ambiti territoriali (comma 73 dell’art.1 della legge 107/2015).
  • i docenti che raggiungeranno un ambito territoriale, saranno successivamente individuati e chiamati direttamente da un dirigente scolastico di una delle scuole associate a quel determinato ambito.

    Pubblicità

    Il docente trasferito in un ambito territoriale dovrà proporre la sua candidatura al D.S. delle scuole che lo interessano, mediante presentazione del curriculum.

Novità ma ancora poche certezze

I sindacati riportano dal MIUR le seguenti novità:

  • gli ambiti territoriali non saranno né interprovinciali, né interregionali, ma sub provinciali, nel rispetto della L. 107/15. Ciascun ambito comprenderà istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo;
  • la durata del contratto rimane annuale e non triennale come ipotizzato.

La formazione degli ambiti territoriali, che dovrebbe avvenire entro il giugno 2016, sta creando non poche contestazioni e paure soprattutto per quei docenti che sono in esubero e temono di andare in soprannumero nei prossimi anni scolastici. Considerando che il periodo della pubblicazione della procedura della mobilità va da febbraio a marzo, si pensa che se gli ambiti non saranno delineati in tempo utile, potrebbe esserci una successiva riapertura dei termini per la scelta.

Pubblicità

I sindacati hanno presentato diversi comunicati circa il loro disaccordo e contrarietà agli ambiti.

Recentemente, il sindacato UIL ha confermato la netta contrarietà al sistema degli ambiti territoriali, poiché la mobilità deve consentire a tutto il personale già di ruolo e a quello di nuova nomina, di poter scegliere oltre che una nuova provincia anche una nuova scuola di titolarità, su tutti i posti disponibili e vacanti.

Le linee guida per la definizione degli ambiti sono state elaborate e presentate al Miur dai sindacati in un documento formato da 5 punti fondamentali. Si attendono i prossimi incontri per saperne di più.