Le attività formative destinate ai docenti in anno di formazione e prova sono articolate in quattro fasi ovvero incontri in presenza, laboratori, peer to peer e osservazione in classe e formazione su Indire. Nel dettaglio vorremmo chiarirvi quali sono le attività obbligatorie da svolgere in presenza presso le scuole polo identificate dai differenti Uffici Scolastici Regionali. Lo scorso anno agli incontri formativi quello iniziale di informazione e quello di restituzione finale sono state dedicate 6 ore, ma quest'anno il #Miur ha previsto meno ore, con un conseguente aumento di ore per i laboratori formativi (ad essi con molta probabilità saranno dedicati 15 ore invece di 12 ore).

Pubblicità
Pubblicità

Vediamo nel dettaglio cosa prevedono i laboratori formativi.

Cosa prevedono i laboratori formativi

La formazione neoassunti prenderà inizio con il primo incontro formativo, il quale illustrerà le modalità del percorso formativo e tutte le novità introdotte dalla legge 107/2015. Al primo incontro formativo seguiranno i laboratori formativi che quest'anno potrebbero essere 5 invece di 4 (essi si terranno nelle ore pomeridiane e saranno di 3 ore ciascuno). I laboratori formativi hanno lo scopo di offrire una formazione non solo teorica ma anche pratica, ciascun docente ha la possibilità di scegliere tra le diverse proposte formative offerte dai differenti uffici. Quali sono le differenti proposte formative dei laboratori formativi? I laboratori formativi verteranno su differenti tematiche prima fra tutte, bisogni educativi speciali, nuove risorse digitali e loro impatto sulla didattica; inclusione sociale e dinamiche interculturali; orientamento e alternanza scuola-lavoro.

Pubblicità

L'altra attività da svolgere in presenza con il docente esperto ovvero il tutor (che sarà nominato dal Dirigente Scolastico) sarà l'attività di peer to peer, essa si svolgerà su due attività didattiche scelte dal docente neoassunto (per alcuni esempi di attività didattiche vi rimandiamo alla precedente news), che nella fase finale dovranno essere inserite sulla piattaforma online dell'Indire.