Si allarga il fronte dei partiti contro la riforma #Pensioni della Fornero. Dopo il leader della Lega Nord Matteo Salvini e il deputato del Movimento 5 stelle Alessandro Di Battista [VIDEO]- che in questa settimana, a più riprese, sono tornati ad attaccare duramente la legge Fornero mentre cresce l'attesa per il tavolo di confronto tra governo e sindacati che dovrebbe affrontare anche la questione di eventuali modifiche - ribadisce il suo no alla riforma previdenziale varata dalla grosse koalition alla tedesche che sosteneva il Governo Monti nel 2011, anche il segretario di Rivoluzione Cristiana Gianfranco Rotondi.

Pensioni, Rotondi: sulla legge Fornero la penso come Salvini

"Sulla legge Fornero - ha scritto oggi su Twitter il segretario politico di Rivoluzione Cristiana - la penso come Salvini".

Pubblicità
Pubblicità

Tra i partiti che più hanno insistito per la cancellazione e per modifiche alla legge Fornero anche Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, che così come M5s propone anche tagli alle pensioni d'oro e aumento delle pensioni minime. La Lega, com'è noto ormai da tempo, propone l'abolizione della riforma pensioni Monti-Fornero contro la quale ha raccolto anche più di cinquecentomila firme per chiedere il referendum abrogativo poi ritenuto inammissibile dai giudici della Corte Costituzionale. La Lega non votò quella legge previdenziale che innalzò drasticamente l'età pensionabile e introdusse penalizzazioni pesanti sulla pensione anticipata, il Movimento 5 stelle non era antrato ancora in Parlamento, [VIDEO] e non la voto nemmeno Gianfranco Rotondi.

Confronto con i sindacati, il Governo Gentiloni prende tempo

"A suo tempo - ricorda il segretario politico di Rivoluzione Cristiana nel tweet - non l'ho votata.

Pubblicità

Così come non votai - ha aggiunto rispondendo a un cittadino sulla riforma pensioni - la fiducia a Monti". Tutti quelli che sono all'opposizione, in sostanza, adesso insistono per modifiche o per l'abrogazione della legge Fornero, chi invece è al governo attualmente, invece, pur avendo avviato in questa direzione il confronto con i sindacati, prende tempo sapendo di toccare un capitolo molto delicato per la tenuta dei conti pubblici [VIDEO] e del sistema previdenziale.