Arriva da #Forza Italia l'ultima proposta di riforma del comparto previdenziale. Ad annunciarla è stato lo stesso Silvio Berlusconi, che ha riunito nella giornata di ieri a Villa Gernetto i "seniors" del proprio partito. L'idea è di garantire "una pensione minima da 1000 € a tutti", con l'obiettivo di consentire ai cittadini che si trovano in età avanzata (sopra i 60 anni di età) di poter vivere "una vecchiaia dignitosa e serena". Ma la nuova misura minima non arriva da sola e si accompagna anche ad altri possibili interventi sia in campo previdenziale, sia per quanto concerne il genere femminile. Mentre un'ultima proposta sarebbe indirizzata sulla tassazione del lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Vediamone insieme i punti chiave nel nostro nuovo articolo di approfondimento sul comparto pensionistico.

Riforma previdenziale e nuove proposte di Forza Italia: garantire un assegno alle mamme

Oltre alla pensione minima da 1000 euro, il Presidente di Forza Italia avrebbe pronta anche una seconda misura, da destinare a chi ha svolto lavori di cura in famiglia. Si tratta di offrire "una pensione alle mamme", che hanno svolto la propria attività in famiglia senza interruzione per tanti anni. Ma il riguardo per la terza età si evidenzia anche dalle altre promesse di sostegno, tra cui enuncia la creazione di apposite convenzioni per i cinema, per le cure odontoiatriche e dentistiche, oltre all'attenzione per chi possiede animali di compagnia. "Dobbiamo aiutare chi ha un animale e poche risorse per mantenerlo" evidenzia l'ex Premier, entrando nel merito della questione e rivolgendosi alla propria platea.

Pubblicità

Gli altri progetti di intervento su welfare e tasse

Per quanto concerne le altre proposte di riforma del welfare, da Forza Italia arriva l'idea di intervenire sul welfare familiare offrendo "un sussidio di compensazione per le famiglie in condizione di povertà assoluta e relativa". Mentre ai lavoratori si propone l'idea della Flat Tax, la "tassa piatta" caratterizzata da una percentuale impositiva unica, che si attesterebbe attorno al 22-24%. Una soluzione che strizza l'occhio alla Lega Nord e concretizza l'invito a nuove possibili alleanze, per rilanciare il polo della destra.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un commento in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite restare aggiornati sulle prossime notizie riguardanti la riforma previdenziale vi ricordiamo di utilizzare la funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #Pensioni #Inps