Le ultime notizie sulla pensione anticipata 2017 arrivano oggi 16 marzo dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti che è tornato sul tema pensionistico all'interno di un convegno tenutosi nella biblioteca di Palazzo Madama. Inoltre, la protesta dei lavoratori non si ferma e per il 23 marzo è tutto pronto per lo sciopero organizzato dagli esodati e dai comitati di Opzione Donna proroga fino al 2018, al quale nelle ultime ore si stanno aggiungendo molti lavoratori precoci per chiedere al Governo che non siano rimandate o annullate le misure promulgate nell'ultima legge di bilancio e per ribadire la necessità di allargare la quota 41 per tutti coloro che vogliono andare in pensione dopo aver versato tutti quegli anni di contributi.

Pubblicità
Pubblicità

Pensione anticipata ultime notizie: parla Poletti

Parlando di Pensione Anticipata, non sono piaciute ai lavoratori le parole del Ministro Poletti, che è tornato sul tema dell' "invecchiamento attivo" della popolazione, sottolineando come "Non possiamo pensare che se prima avevamo una età di pensionamento reale di 55 anni e oggi di 65 non cambi nulla. Se no resteremo sempre bloccati sulla tensione tra chi spinge per terminare il proprio percorso lavorativo e i conti della previdenza". Insomma per Poletti l'età pensionabile non è destinata a scendere, ma se mai a salire con il passare del tempo.

Ultime novità Pensione precoci: quota 41 a manifestare il 23 marzo

Dopo lo slittamento dell' incontro previsto il 13 marzo scorso tra Sindacati e Governo si attende ancora una data ufficiale per il recupero (probabilmente il 20 marzo).

Pubblicità

Intanto i lavoratori precoci hanno deciso di unirsi alla manifestazione organizzata dagli esodati e dalle lavoratrici che chiedono la proroga di Opzione donna e che si terrà il prossimo 23 marzo a Roma a Montecitorio. Inoltre sia il 20 che il 23 marzo i precoci saranno presenti in presidio sotto il Ministero del Lavoro per far sentire la loro voce in occasione dell'incontro tra sindacati e Governo (se sarà confermato). I precoci esigono, come ha riportato sul gruppo "Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti" l'amministratore Occhiodoro, "Una pronta definizione dei decreti attuativi e che questa riforma parta dal primo maggio come era stato previsto. Non tollereremo ritardi ulteriori perchè la nostra pazienza è finita". Voi cosa ne pensate? Se volete esser aggiornati con le ultime notizie sulla pensione anticipata e sui precoci potete cliccare segui in alto. #Pensioni