Mentre il premier Paolo Gentiloni firma il decreto attuativo dell'Ape sociale introdotto con la prima parte di riforma #Pensioni, l'ex premier #Matteo Renzi, indica le priorità del governo anche sulla base del percosso già tracciato con il Documento di economia e finanza. "Il tesoretto, non il buco, contiene anche - ha affermato l'ex premier in corsa per la segreteria del Pd - le risorse per affrontare le tre emergenze sociali [VIDEO]". Quali sono le tre emergenze sociali secondo l'ex premier? "Le tre P: pensioni, periferie, povertà", ha scritto Renzi nella sua e-news settimanale.

Pensioni, povertà, periferie: parla l'ex premier Renzi

Proprio sui temi dell'agenda sociale, in particolare lavoro e pensioni, si sono registrati in questi anni sconti nel Pd fino alla "mini scissione" e un clima da "guerra" per la corsa alla segreteria che vede in gara oltre a Renzi anche l'attuale ministro della Giustizia Andrea Orlando e il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

Pubblicità
Pubblicità

L'ex presidente del consiglio ha ricordato che sulla riforma pensioni, le misure di contrasto della povertà [VIDEO]e i provvedimenti in sostegno delle periferie sono state già messe nero su bianco e che attendono solo di essere attuati. "Sono tre settori - ha detto Renzi nella nuova e-news - su cui il Governo dei mille giorni ha lasciato i fondi e adesso - ha sottolineato - si tratta solo di far partire concretamente gli interventi".

Il premier Gentiloni ha firmato il decreto sull'Ape social

L'ex premier ricorda a proposito della prima parte di riforma pensioni avviata dal suo governo "è di stamani - ha detto - la firma del Presidente Gentiloni sull'anticipo pensionistico". Renzi però non spiega che la firma è arrivata solo sull'Ape social destinata ai soggetti più deboli e non sono ancora arrivati i decreti attuativi dell'Anticipo pensionistico volontario che dovrebbe partire dal primo maggio e per i benefici per i lavoratori precoci (la Quota 41 di anzianità contributiva, ma non per tutti, per l'accesso al pensionamento).

Pubblicità

Per quanto riguarda le misure di contrasto alla povertà, il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti "ha annunciato il decreto - ha scritto Renzi nella sua e-news settimanale - che costituisce un importante passo in avanti". Altri sono i meriti rivendicati dall'ex premier. "Sulle periferie - ha detto parlando della terza P - già si sono firmati gli accordi“.