C'è una nuova iniziativa in arrivo dalle parti sociali riguardo i provvedimenti di flessibilità previdenziale previsti con la legge di bilancio 2017. Il Patronato Acli ha infatti programmato per il prossimo venerdì 19 maggio una giornata nazionale d'informazione sull'#ape (nelle sue varie declinazioni), nonché sulla quota 41 destinata ai lavoratori precoci aventi i requisiti previsti dalla legge. L'evento è stato lanciato con lo slogan #inpensioneprima e prevede di esplorare quali opzioni di prepensionamento [VIDEO] vanno ad affiancarsi a quelle attualmente già esistenti, come ad esempio l'opzione donna, le tutele garantite a chi svolge attività usuranti o la possibilità di cumulare gratuitamente i contributi versati in diverse gestioni previdenziali.

Pubblicità
Pubblicità

"Tutte possibili soluzioni" per poter derogare dalle regole della legge Fornero, conferma il patronato.

Pensioni anticipate e APE DAY: il 19/5 apre la giornata nazionale d'informazione

Per cercare di fare chiarezza sulle nuove misure, il Patronato Acli ha quindi deciso d'inaugurare una "giornata nazionale" finalizzata ad approfondire il tema della flessibilità previdenziale [VIDEO] e a fornire informazioni operative. "Saremo al fianco dei cittadini per assisterli e consigliarli al meglio nella individuazione delle diverse ipotesi e di quelle che si possono rivelare più rispondenti". Il patronato ricorda infatti che non è possibile equiparare o uniformare la storia e la carriera dei lavoratori, pertanto andranno effettuate valutazioni su misura. "L'aspetto positivo è che esistono molteplici opportunità", conclude il comunicato pubblicato sul sito dell'organizzazione.

Pubblicità

Flessibilità previdenziale, l'attesa per i decreti attuativi

La nuova iniziativa del patronato conferma quanto sia sentita per i lavoratori la necessità di comprendere quali siano le reali prospettive di prepensionamento legate ai provvedimenti previsti con l'ultima Manovra. D'altra parte, i decreti attuativi sull'APE sociale e sulla Quota 41 per i lavoratori precoci si fanno attendere ormai da mesi, mentre l'avvio dei benefici era fissato allo scorso primo maggio. La data risulterà comunque valida per tutti coloro che vi matureranno i criteri di legge grazie al principio della retroattività, ma l'arrivo in Gazzetta Ufficiale delle misure è stato assicurato come prossimo in numerose occasioni ed i tempi sembrano destinati ad essere lunghi anche per gli altri provvedimenti, come l'APE volontaria e quella aziendale. Restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino aggiungere un nuovo commento in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere i prossimi aggiornamenti sulle pensioni [VIDEO] vi ricordiamo di usare la funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #Pensioni #sindacati