Le ultime notizie sulle pensioni, ad oggi, [VIDEO] venerdì 19 maggio 2017, riguardano i lavoratori precoci e la battaglia contro il Governo per la rivendicazione del diritto alla #quota 41 per tutti senza se e senza ma. Dopo la manifestazione in Piazza Montecitorio di una settimana fa, i precoci sono nuovamente intervenuti in TV per sensibilizzare l'opinione pubblica di fronte a questa grave ingiustizia generata dalla Legge Fornero. Ieri sera, infatti, la trasmissione 'Dalla vostra parte', in onda su Retequattro, ha dato ampio spazio ai quota 41 che hanno denunciato la vergogna dei vitalizi dei politici: 'Noi veniamo qui a mostrar la faccia per chiedere la nostra pensione dopo aver versato 41 anni di contributi e purtroppo c'è questa gente che vive alle nostre spalle e non gliene frega niente, non vogliono questo cambio generazionale, non vogliono aiutare i giovani.

Pubblicità
Pubblicità

Non si vogliono eliminare questi regali a gente che non ha mai messo niente nella 'ciotola' sociale. Questi mangiano e basta'.

Anche il presidente della Federconsumatori, Rosario Trefiletti, si è scagliato contro i vitalizi della politica, definendoli 'privilegi che vanno toccati, vanno tolti laddove ci sono i cumuli, per tornare a #Pensioni eque'. Per rivedere l'intervento dei lavoratori precoci su Retequattro, potete collegarvi alla seguente pagina Web: video.mediaset.it/video/dallavostraparte/full/giovedi-18-maggio_722580.html

Ultime notizie pensioni, venerdì 19 maggio 2017: i precoci in TV contro i vitalizi dei politici

In attesa di vedere la pubblicazione dei decreti attuativi relativi all'#ape Sociale e all'uscita pensionistica dei lavoratori precoci, ricordiamo che per la giornata di oggi è stato indetto dai patronati il cosiddetto 'Ape Day', [VIDEO] durante il quale sarà possibile avere informazioni utili e dettagliate in merito alle nuove misure previdenziali che (continuiamo a sperare...) possano vedere la luce al più presto.

Pubblicità

Inoltre, le Acli hanno comunicato l'introduzione di uno nuovo strumento, disponibile online, attraverso il quale ogni lavoratore potrà verificare se possiede o meno le condizioni minime per rientrare nell'Ape Sociale o nella Quota 41: si tratta del test denominato #inpensioneprima che potrete trovare collegandovi alla seguente pagina Web: patronato.acli.it/test-inpensioneprima/

Pensioni, news ad oggi 19 maggio: il test #inpensioneprima messo a disposizione dall'Acli

Ciò che appare evidente è che l’Italia ha raggiunto, ormai, un rapporto lavoratori/pensionati pari a 10/7. Gli over 65 sono sempre di più e soprattutto percepiscono una pensione sempre più bassa mentre, allo stato attuale, sette giovani su dieci sono sottopagati o, addirittura, disoccupati o sottopagati. E' chiaro che il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo ha alleggerito in misura notevole le pensioni degli italiani [VIDEO], spingendo numerose famiglie verso la soglia della povertà. La causa, evidentemente, è da ricollegare alle numerose riforme pensionistiche che hanno allungato l'età per accedere alla pensione: la realtà è che siamo di fronte ad un vero e proprio 'esercito di poveri'.

Pubblicità