A seguito della compilazione dei modelli A1, A2 e A2 bis per l'inserimento o aggiornamento nelle Graduatorie di Istituto su modello cartaceo entro il 24 giugno 2016, si dovrà procedere alla scelta delle sedi scolastiche dalle quali si vorrà ricevere proposta di incarico di insegnamento per la/e classe/i di concorso per cui si ha titolo di accesso. Nella stessa sezione dedicata alle GI 2017/2020 anche l'applicazione del Ministero per valutare le scuole per l'inclusione. I dettagli e dove si trova.

Miur scelta sedi nel modello B

L'apertura del sistema per la scelta delle sedi, come da decreto, si dovrà effettuare dal 1 al 20 luglio 2017.

Pubblicità
Pubblicità

la scelta consiste nella compilazione del modello B direttamente online tramite il proprio account su Istanze on Line per il quale preventivamente si è proceduto all'iscrizione e al riconoscimento fisico presso una #Scuola. A tal proposito ricordiamo che l'istituzione scolastica presso la quale si richiede il riconoscimento non ha nulla a che vedere con la scuola capofila scelta per l'invio della domanda cartacea di inserimento (modello A1, A2 A2 bis), può essere dunque differente, magari la più vicina, per comodità alla propria sede di residenza.

Per la compilazione del modello B è necessario scegliere una sola provincia e collegarsi, si consiglia, preventivamente, all'applicazione del Ministero per la valutazione delle sedi esprimibili. Nel dettaglio è possibile trovarla accedendo a istruzione e la sezione dedicata alle Graduatorie di Istituto: alla vostra sinistra trovate i modelli di domanda, la sezione modulistica, e sotto modello B sedi esprimibili, cliccate sopra la casella blu con 'applicazione'.

Pubblicità

http://www.istruzione.it/graduatoriedistituto/index.shtm L'applicazione è stata disposta dal Miur per facilitare la visione delle scuole dove si ha possibilità di insegnare. Apparirà una schermata con:

  • regione;
  • provincia;
  • tipo personale, docente o educativo, da 'flaggare' e poi sotto 'cerca'.

È necessario infatti valutare in quali scuole si ha maggiore possibilità di insegnare la disciplina per cui si ha titolo - la classe di concorso - o, per meglio dire, in quali scuole sono presenti più ore di lezione per quella materia. Un esempio può essere le classi di concorso di italiano, con più ore nelle scuole secondarie di I grado, ma anche nel liceo classico e magistrale; lo stesso vale per le materie come matematica, dove si hanno più ore nello scientifico, rispetto a un istituto classico.

Si procede dunque con questa valutazione primaria, se poi avanzano 'dei posti' per altre scuole, si consiglia di procedere con le scuole più vicine o maggiormente raggiungibili dalla propria residenza.

Pubblicità

Si consideri anche il tempo di percorrenza - è anche possibile essere incaricati per pochi giorni di supplenza - e fare tanti Km per poche ore, come per esempio uno spezzone di 6 h, potrebbe risultare poco economico.L'applicazione del Miur permette di visualizzare tutte le sedi esprimibili per la classe di concorso e provincia individuata, giusto per farsi anche un'idea.

Quante e quali scuole è meglio scegliere nel modello B

Per la scuola secondaria di I e II grado, è possibile scegliere un massimo di 20 scuole in tutto a prescindere dal numero delle classi di concorso per cui si ha titolo, dunque non 20 per ogni cdc; per la scuola dell'infanzia e primaria sono invece 10, di cui al massimo 2 circoli didattici. Un consiglio o strategia, vedete voi come chiamarla, è quella di scegliere Istituti comprensivi, dove è possibile, che permettono di avere più gradi di scuola in una sola scelta, ma l'aumento delle possibilità di ricevere un incarico di supplenza è dovuto anche ai vostri requisiti: per esempio se si sceglie un Istituto comprensivo secondario di I grado con primaria, sarà una buona possibilità per un diplomato magistrale conseguito ante 2001/2002 e con classi di concorso per l'insegnamento nelle scuole medie, in quanto si troverebbe a 'sfruttare un solo posto' tra i 20 pur ottenendo due possibilità di convocazione.

Per ultimo ma non per importanza, non possono essere espresse succursali, sedi coordinate, sezioni associate. I codici esprimibili sono rappresentati dalle sedi principali - ottavo e nono carattere uguali a '00'-.Tutte le sedi scolastiche esprimibili sono fornite in risposta dall'applicazione 'sedi esprimibili', ma i codici non presenti non possono essere espressi. Ricordate inoltre che la scuola capofila scelta per l'invio della domanda cartacea deve essere al primo posto e che quest'ultima deve essere di grado superiore rispetto alle altre per le quali avete titolo: per esempio tra secondaria di I grado e di II la domanda va inviata al secondo grado; tra infanzia e primaria, alla primaria. Se desiderate ancora seguirci sulla compilazione della domanda per le GI 2017/2018, cliccate su 'Segui' in alto alla vostra sinistra. #modello b scelta sedi #graduatorie di istituto domanda