Vediamo come di consueto le ultime notizie sulle #Pensioni anticipate di oggi 23 giugno 2017 e quello che sta succedendo nel dibattito politico sulla riforma delle pensioni. Matteo Salvini è tornato alla carica contro la Legge Fornero, intanto all'INPS stanno arrivando migliaia di richieste per l'APE Social di precoci e quota 41 che vogliono uscire dal mondo del lavoro grazie a questa soluzione inserita nella scorsa legge di bilancio. Viste le molte domande presentate rimane un po' di ansia da parte dei lavoratori che sulle pagine facebook come 'Ultime pensioni' ci fanno sapere che hanno paura di rimanere esclusi in caso i fondi stanziati dal Governo non bastassero per tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Ultime notizie su Pensione anticipata 2017: Salvini rilancia l'abolizione della legge Fornero

Ieri abbiamo visto le dichiarazioni di Rizzetto e le risposte di Poletti e Damiano, oggi un'altro degli attori della scena politica italiana è tornato sul tema delle pensioni per #precoci e quota 41. Matteo Salvini, leader della Lega si è scagliato nuovamente contro la legge Fornero del 2011, ribadendo che "La legge Fornero sulle pensioni va abolita e basta". Salvini non è nuovo a queste dichiarazioni, e come ricorderete ha anche indetto una raccolta firme che ha raggiunto la quota di cinquecentomila per proporre un referendum abrogativo sulla legge Fornero (ritenuto poi inammissibile dalla corte costituzionale). Intanto però l'APE Social è partita, vediamo cosa dicono i primi dati dell'INPS.

Pubblicità

Pensioni precoci e quota 41, ultime novità: oltre 17mila richieste per l'APE Social, Renzi soddisfatto

Nella serata di ieri l'INPS ha diffuso i primi dati sull'APE Social, che consentirà ad alcuni lavoratori e ad alcuni precoci e quota 41 di lasciare il mondo del lavoro con qualche anno di anticipo. Sono già oltre 17mila le domande ricevute, di cui 11mila legate all'APE e le restanti ai lavoratori precoci. Renzi ha fatto sapere la sua soddisfazione per il funzionamento dell'Anticipo Pensionistico dicendo che la manovra era stata criticata da molti e che fosse poco appetibile "E invece funziona. Eccome se funziona".

I lavoratori precoci e gli altri restano però preoccupati di arrivare tardi a presentare domanda e di non riuscire a rientrare nei fondi destinati per questa uscita anticipata. Proprio a questo proposito Cesare Damiano si è già mosso chiedendo di aggiungere nuove risorse per estendere l'APE anche nel 2018, qualora quelle attuali non dovessero esser sufficienti". Noi come sempre terremo d'occhio la situazione sulle pensioni anticipate e sui precoci, se volete potete restare aggiornati cliccando segui in alto!