Torniamo ad aggiornare i lettori del sito e della pagina facebook "Ultime #Pensioni" che ci hanno chiesto le ultime novità per quanto riguarda l'arrivo in Gazzetta Ufficiale dei decreti attuativi su APE e precoci. Inoltre vediamo di seguito le parole rilasciate ieri sera da Elsa Fornero, ospite dell'ultima puntata stagionale della trasmissione DiMartedì su La7, condotta da Giovanni Floris e le news sulle #pensioni anticipate.

Ultime novità Pensione anticipata e APE: parla Elsa Fornero

Come spesso è accaduto durante tutto l'anno, anche in quest'ultima puntata stagionale di DiMartedì Elsa Fornero è stata ospite in collegamento da Torino e ha parlato nuovamente dei vitalizi e sull'ipotesi di un contributo di solidarietà per le pensioni d'oro.

Pubblicità
Pubblicità

L'Economista ed ex MInistro del Lavoro ha dato la sua opinione spiegando che " E' difficile rinunciare ai privilegi e su questo tema molti parlamentari non ci sentono e per questo è difficile poter rinunciare ai vitalizi". Sulle pensioni il Fondo monetario internazionale ha ribadito che bisognerebbe ricalcolare le pensioni sopra una certa soglia (le famose pensioni d'oro) in base ai contributi versati, perchè sennò è difficile per la finanza italiana stare appresso a questi versamenti. Su questo la Fornero ha spiegato che "Non si possono correggere tutte le ingiustizie del passato, la mia soluzione è che le pensioni sopra un certo livello paghino un contributo di solidarietà. Credo che la corte costituzionale oggi potrebbe avere un atteggiamento diverso su questo tema rispetto a quanto avuto in passato.

Pubblicità

Penso che se parliamo di pensioni sopra i tremila euro lordi al mese possiamo parlare di un contributo di solidarietà guardando la differenza tra ciò che si è pagato e ciò che si riceve".

Pensioni precoci e APE: quando arrivano in gazzetta ufficiale?

Per quanto riguarda le ultime news sui precoci, I provvedimenti attuativi su APE sociale e Quota 41 non sono ancora arrivati sulla gazzetta ufficiale, e questo ritardo ha fatto adirare il segretario della Uil Poletti che ha ribadito nella giornata di ieri "questi ritardi sono un fatto molto grave, che necessita di una riflessione urgente sul funzionamento delle magistrature e delle burocrazie dello Stato italiano". Un ritardo che resta inspiegabile considerando che in linea teorica la prima scadenza per le domande scade il prossimo 15 luglio. Noi come sempre vi aggiorneremo con tutte le novità sulle pensioni nei prossimi giorni, avvisandovi quando qualcosa si muoverà.