Pubblicità
Pubblicità

Nella giornata di oggi 31 agosto 2017 faremo il punto sulle ultime novità relative alle pensioni anticipate [VIDEO] riportando cosa è emerso dopo il primo incontro di ieri tra Governo e Sindacati al tavolo delle trattative. Questo primo meeting che ha segnato la ripresa dei lavori dopo le festività estive è stato soltanto il primo passo (le parti si riuniranno già il prossimo 7 settembre), ma ha dato alcune importanti indicazioni per quanto riguarda la così detta Opzione donna, per i #precoci e per lo spinoso caso dell'aspettativa di vita. Ricapitoliamo allora cosa si è detto e quali sono state le reazioni dei principali protagonisti della vicenda dopo le molte richieste dei lettori arrivate qui e sulla pagina facebook 'Ultime #Pensioni'.

Pubblicità

Pensioni anticipate ultime novità oggi 31 agosto 2017: APE Donne una possibiltà

Il primo dei 3 incontri previsti in questo inizio di settembre è stato interlocutorio e nulla è ancora stato realmente deciso. Ci sono però stati passi avanti soprattutto per quanto riguarda misure di uscita anticipata dal mondo del lavoro per le donne, e prende sempre più piede quella che viene chiamata comunemente APE Donna e che potrà sostituire il regime sperimentale dell'opzione donna. Stando a quanto trapelato dal primo incontro, c'è la possibilità di una riduzione dei requisiti contributivi necessari per la pensione fino a due anni per le donne [VIDEO]. Ovviamente maggiori dettagli arriveranno nei prossimi giorni dopo i prossimi incontri e quando il Governo deciderà cosa inserire nella prossima Legge di Bilancio e quali misure saranno sostenibili e avranno le necessarie coperture finanziarie.

Pubblicità

Ultime notizie Pensioni precoci e anticipate: il punto su aspettativa di vita

Un tema molto caldo che riguarda le pensioni anticipate è sicuramente quello dell'adeguamento dei requisiti pensionistici all'allungamento dell'aspettativa di vita. Al momento la posizione del Governo sembra ancora lontana da quella dei sindacati e dei lavoratori che chiedo lo stop di questa misura che alzerà ulteriormente l'età anagrafica necessaria per la pensione. La Camusso ha spiegato che "è necessario bloccare l'avanzamento dei requisiti pensionistici" mentre la Uil tramite Barbagallo ha ribadito come "La questione dell'aspettativa di vita è un punto fondamentale". Al momento però la posizione del Governo e del Ministro Poletti rimane quella del mese scorso, ossia di attendismo aspettando l'arrivo dei nuovi dati Istat a riguardo prima di continuare questa discussione. Come sempre noi restiamo qui a vostra disposizione, potete commentare l'articolo e cliccare sul tasto segui in alto per continuare a seguire i nostri aggiornamenti sulle pensioni anticipate e su quanto avverrà nei prossimi incontri previsti per il 7 e per il 13 settembre. #APE SOCIALE