Pubblicità
Pubblicità

Tre sono le prove previste per il #concorso docenti 2018 e una aggiuntiva per gli aspiranti insegnanti di sostegno: due scritte, a carattere nazionale, e una orale; la prova aggiuntiva è scritta. Gli aspiranti insegnanti privi di abilitazione all'insegnamento ma con almeno 36 mesi di servizio nella #Scuola, come indicato nel decreto, dovrebbero sostenere una sola prova scritta e una prova orale; per i candidati ai posti sulle attività didattiche sul sostegno [VIDEO] è prevista una prova di esame scritta aggiuntiva a carattere nazionale. Di seguito il dettaglio delle prove per il superamento del concorso a cattedra, a seguito del quale si aprirà per i candidati vincitori il percorso di formazione Fit; ultimo step immissione in ruolo con lo svolgimento di un anno nella scuola.

Pubblicità

Prove concorso a cattedra 2018

Si ricorda che al concorso docenti potranno partecipare tutti gli aspiranti insegnanti con laurea a ciclo unico, laurea triennale e specialistica, con il superamento degli esami utili per l'acquisizione di una classe di concorso di una disciplina di insegnamento, come indicato nella tabella #Miur delle nuove classi di concorso; potranno altresì partecipare anche gli aspiranti con titolo di laurea e senza abilitazione con conseguimento dei 24 cfu ai sensi del dm del 10/08/2017; aspiranti senza abilitazione e con 36 mesi di servizio, ma senza l'obbligo di conseguimento dei crediti formativi. Si ricorda che al momento non si conosce il punteggio minimo di superamento delle prove [VIDEO].

Prima prova scritta: è la disciplina, la cdc, per la quale si concorre.

Pubblicità

Per la cdc di lingua e cultura straniera la prova dovrà essere svolta nella lingua oggetto della prova concorsuale. La prova ha carattere nazionale. È necessario il superamento di questa I prova per poter sostenere la successiva.

Seconda prova scritta: discipline antro/psico/pedagogiche, metodologie didattiche, argomenti oggetto del conseguimento dei 24 cfu per l'ammissione al concorso da parte degli aspiranti senza abilitazione e senza 36 mesi di servizio. È necessario il superamento di questa II prova per poter sostenere la successiva (anche questa di carattere nazionale). Gli aspiranti che concorrono per i posti sul sostegno devono svolgere la prova aggiuntiva).

Prova orale: colloquio sulla disciplina della classe di concorso per cui ci si candida all'insegnamento. Prevista anche una prova pratica in relazione alla cdc di interesse dell'aspirante. Durante la prova orale è prevista anche la valutazione della conoscenza di una lingua straniera a livello B2 del quadro comune europeo e il possesso delle conoscenze informatiche di base.

Pubblicità

Prova scritta aggiuntiva per gli aspiranti insegnanti di sostegno: pedagogia speciale, didattica per l’inclusione e metodologie didattiche di apprendimento. La prova aggiuntiva è in programma con il superamento della seconda prova; deve essere superata per l'accesso alla prova orale.

Dopo le tre prove concorsuali parte il Fit

Gli aspiranti che avranno superato tutte le prove indicate sopra, in relazione ai posti messi a concorso per ogni classe di concorso, posto comune e posti sul sostegno, potranno accedere al percorso triennale Fit; della durata di soli 2 anni per i docenti con almeno 36 mesi di servizio, che frequenteranno il primo anno, durante il quale conseguiranno abilitazione all'insegnamento sulla cdc per la quale concorrono, e l'ultimo anno, con la valutazione durante un anno di servizio nella scuola. Con il conseguimento del 'titolo Fit', così possiamo chiamarlo, l'aspirante insegnante ottiene la formazione necessaria per l'immissione in ruolo, in relazione, come anche indicato precedentemente, al contingente posti disponibile per la classe di concorso per cui si è abilitato.

Si deve anche considerare che il concorso docenti sarà bandito ogni due anni con un numero di posti differente in relazione alla disponibilità 'presunta' 3/4 anni dopo, tenendo conto dello svolgimento del percorso Fit. Attendiamo, dunque, al momento di conoscere i bandi per l'acquisizione dei 24 cfu/cfa per l'ammissione al concorso, in modo da migliorare anche la preparazione per il superamento delle prove concorsuali. Se desideri continuare a seguirci per restare aggiornato in materia di Graduatorie e supplenze e lavoro nel mondo della #Scuola, clicca su 'Segui', e/o condividi la nostra news, se l'hai ritenuta interessante.