Oggi torniamo ad aggiornare le lettrici della nostra rubrica “#Parola ai comitati” e della pagina Facebook “Riforma #Pensioni e lavoro” con una nuova intervista ad Orietta Armiliato, fondatrice del #Comitato opzione donna social (CODS).

L'intervista ad Orietta Armiliato del Comitato Opzione Donna Social

Partiamo dall’ultima proposta in arrivo dal Governo sull’APE donna: abbiamo letto nelle pagine del CODS che le iscritte hanno aspettative maggiormente inclusive rispetto alla proposta di sconto biennale. Può riportarci le sue sensazioni al riguardo?

Le donne iscritte al CODS manifestano esplicitamente la necessità di ritirarsi dal lavoro in una età compresa fra i 60 ed i 62 anni, una legittima aspettativa anche riferita al fatto che "il patto" al loro primo ingresso nel mondo del lavoro contemplava quel dato anagrafico.

Pubblicità
Pubblicità

Oggettivamente però, ha influito altresì il tam tam mediatico (e io ne sono stata una delle più attive artefici...) che ha portato alla ribalta la misura dell'Opzione Donna con il suo ingresso a 57 anni (se riferiti all'erogazione sono 58 anni e 7 mesi minimo) e che hanno abbassato psicologicamente l'asticella. Oggi si pretenderebbe di pensionarsi con quel parametro, [VIDEO]ma è una legge di dieci anni fa dove lo scenario era completamente differente, lo scalone è stato imposto ben sette anni dopo.

Dalla parte dei sindacati sembra invece emergere un’ipotesi differente. Quale sarebbe la posizione del Comitato in caso di una proposta che agisse anche sul requisito anagrafico, oltre che su quello contributivo?

Ovviamente intendiamo al ribasso che è quello che abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere; in quel caso non ho alcun dubbio che assisteremo ad una "ola" e non solo virtuale da parte delle donne, alla quale seguirebbe un'infinita "standing ovation".

Pubblicità

Un altro tema sul quale il CODS si è battuto da tempo è quello del cumulo gratuito dei contributi per l’accesso ad opzione donna. Pensa che la misura potrà trovare uno spazio nella discussione parlamentare in avvio sulla legge di bilancio 2018?

Questa è una delle iniquità da sanare che mi turba maggiormente, intanto perché a mio avviso finché non rientrano anche le donne che oggi non possono accedere ad Opzione Donna tutto il lavoro fatto per poterla esercitare compiutamente non è terminato e di questo avviso sono anche le istituzioni tutte, Commissione Lavoro in primis. Da lì, l'impegno sul voler dirimere questa brutta questione c'è e noi ci auguriamo che si realizzi positivamente.

Infine, vorrei porle una domanda in merito al suo ruolo di amministratrice del CODS. Lei si è spesa molto negli ultimi anni per il bene comune ed in favore di maggiori tutele previdenziali per le donne, ottenendo importanti traguardi. Ma questo ha significato anche ricevere attacchi personali ed essere guardata con sospetto da chi non si trovava concorde con le sue posizioni. Se oggi dovesse fare un bilancio, pensa che ne sia valsa la pena?

Le risponderò come sono solita fare, cioè chiaramente e francamente: ci sono momenti nei quali mi maledico per essermi assunta un onere così complesso e questo succede soprattutto quando sono proprio le donne per le quali mi sto impegnando che mi insultano, denigrano e quant'altro addebitandomi tornaconti che non ho ne ho mai avuto (se così fosse, avrei intrapreso altre strade).

Pubblicità

Però, quando si agisce liberamente rispondendo solo ad un'attitudine personale che fa parte di sé e che risponde ad una cultura o se vuole ad una educazione che ti ha sempre portato a lavorare non solo per te ma anche per la comunità cui appartieni, ne vale sempre la pena consapevoli che nessuno può prescindere da se stesso. Ed in ogni caso, anche se una sola donna beneficerà di questo mio impegno così come già è stato per il passato lavorando assieme alle donne del Comitato Opzione Donna, ne sarà valsa la pena. Alla fine...avrò solo speso qualche spicciolo nei giorni più difficili per...comprarmi una scatola di Kleenex.

Come da nostra prassi restiamo a disposizione dei lettori nel caso desiderino aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Mentre per ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni [VIDEO] ricordiamo di utilizzare la funzione "segui" disponibile in alto, vicino al titolo dell'articolo.