Pubblicità
Pubblicità

Ulteriori informazioni dal Ministero per l'acquisizione dei 24 crediti formativi per l'accesso al #concorso docenti 2018. Di questi giorni alcune delucidazioni dal Ministro Fedeli in materia di date di pubblicazione al bando: un concorso immediato per gli abilitati e il prossimo anno per gli aspiranti insegnanti senza abilitazione. Con la nota ministeriale dello scorso 25 ottobre, si chiarisce la valenza dei CFU anche per coloro che al momento stanno frequentando un corso di laurea [VIDEO] o per gli aspiranti che hanno sostenuti gli esami delle materie di insegnamento (relative cdc) e possono/voglio farsi convalidare e certificare i crediti formativi universitari corrispondenti e utili per l'ammissione al concorso.

Pubblicità

Acquisizione 24 CFU e certificazione, nota 29999 del 25 ottobre 2017

Con la nota del 25/10/2017: (consultazione nota nel suo testo integrale da scaricare in pdf di flcgil) http://www.flcgil.it/leggi-normative/documenti/note-ministeriali/nota-29999-del-25-ottobre-2017-chiarimenti-sull-acquisizione-dei-24-cfu.flcha il #Miur ha chiarito che i crediti acquisiti durante il percorso per i 24 CFU possono essere considerati quali requisiti di accesso - espressi in termini di possesso di crediti in determinati Settori Scientifico Disciplinari - per l'accesso alle cdc del concorso docenti 2018. La nuova indicazione ministeriale risolverebbe le difficoltà emerse in alcuni Atenei nell'attivazione dei percorsi formativi per le discipline socio-psicoantropologiche e in maniera particolare per la convalidazione e certificazione dei crediti già acquisiti durante il percorso di laurea.

Pubblicità

La nota n. 29999 dispone che gli Atenei rilascino gli attestati spettanti per i cfu e attività svolte presso la stessa università indicando numero crediti, valutazione; a seguito l'aspirante insegnante potrà disporre di una certificazione dei crediti già acquisiti e completarli/integrarli nell'Ateneo scelto; al termine del programma, e con l'acquisizione totale dei 24 cfu richiesti, avrà una certificazione complessiva dei crediti formativi universitari validi per la partecipazione al concorso docenti 2018.

Il riconoscimento dei CFU nei SSD ai sensi del DM 616/17 non è dunque automatico ma gli atenei dovranno valutare contenuti formativi e obiettivi delle discipline per la convalida. Inoltre, nel dettaglio, nella nota ministeriale si mette in evidenza i punti salienti dei criteri di riconoscimenti dei crediti già acquisiti durante il corso di laurea, per permettere al candidato di scegliere i percorsi formativi solo per i CFU effettivamente ancora non acquisiti:

1. CFU acquisiti con laurea vecchio ordinamento (V.O), in cui gli esami semestrali hanno valore di 6 CFU e annuale di 12 CFU;

2.

Pubblicità

i dottorandi o studenti in scuole di specializzazione possono ottenere i 24 CFU durante la frequenza del percorso universitario - salvo divieti nel regolamento dell'istituzione;

3. possibilità di accesso al semestre aggiuntivo per l'acquisizione dei crediti (tutti o in parte), per gli studenti universitari aspiranti docenti iscritti al momento in un corso di laurea/magistrale - fermo restando una sola possibilità durante la carriera universitaria del singolo candidato;

4. le attività formative dei percorsi di acquisizione dei crediti - secondo la nota ministeriale del 25/10/2017 - possono essere inserite nel piano di studi (esami a scelta) purché siano coerenti con il percorso di studi individuale.

Amici e colleghi, si consiglia di leggere la nota nella sua versione integrale, di particolare importanza per chi si trova in difficoltà nel comprendere se può farsi convalidare e certificare quale che esame sostenuto durante il piano di studi. La nota ministeriale infatti permette in molti casi di completare l'acquisizione dei crediti - in considerazione del piano di studi individuale - e non di sostenere tutti gli esami per l'ottenimento dei 24 cfu, consentendo una ottimizzazione del tempo e delle risorse economiche. Si consideri inoltre che non tutti gli Atenei hanno attivato i percorsi, motivo per cui sarà utile far verificare la presenza nel piano di studi delle lauree del vecchio ordinamento se l'Università ha la facoltà di certificare i crediti già conseguiti 'eliminandoli dalla lista di quelli da acquisire'.Se desideri seguire gli aggiornamenti sulla scuola e le notizie principali sulla cronaca, clicca su 'Segui', e/o condivi la nostra news, se l'hai ritenuta interessante, tagga i tuoi amici e colleghi per far conoscere le informazioni sull'acquisizione dei 24 crediti. #Scuola