Pubblicità
Pubblicità

Prosegue la battaglia di sensibilizzazione e informazione intorno al tema #Opzione Donna da parte di Lucia Rispoli, amministratrice del gruppo "Movimento Opzione Donna", alla vigilia di due appuntamenti molto importanti come la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil domani in tutta Italia e l'incontro al ministero del Lavoro di lunedì fra governo e sindacati per discutere sulla fase 2 della riforma previdenziale [VIDEO]. Sono giorni importantissimi per la proroga del regime sperimentale che consente alle lavoratrici di uscire con la pensione anticipata con 35 anni di contributi e prima dei 60 anni di età.

'Vogliamo una riforma al femminile'

L'amministratrice del gruppo Movimento Opzione Donna, la signora Lucia Rispoli, ha chiesto ufficialmente una riforma delle #Pensioni al femminile, sottolineando l'importanza di un vero confronto con le parti sociali che rappresentano le donne.

Pubblicità

Attraverso un duro post pubblicato stamani, si è richiesto inoltre in che modo sono state utilizzate le risorse destinate alla sperimentazione di Opzione Donna fino al 31 dicembre del 2015, considerando che ad oggi le donne sono in credito. Nelle considerazioni finali, si può leggere anche un velato attacco all'Ape donna, ipotesi ventilata qualche settimana fa.

Quest'ultima, è stata ribattezzata come Ape al femminile, poiché prevede requisiti simili all'anticipo pensionistico agevolato, su cui si è abbattuto ieri il Patronato della Cgil in riferimento alle risposte che l'Inps fornirà entro il 15 ottobre. Una delle novità principali riguarderebbe la valorizzazione dei lavori di cura [VIDEO], che andrebbero a diminuire gli anni contributivi richiesti esclusivamente alle lavoratrici madri. Stando alle indiscrezioni, per ciascun figlio partorito le lavoratrici avrebbero un bonus di 6 mesi, fino ad un massimo di due anni di sconto (pari a 4 figli).

Pubblicità

Giorni intensi

Fra meno di 24 ore è attesa la manifestazione dei sindacati uniti, Cgil Cisl e Uil. Lucia Rispoli ha chiesto alle iscritte al Movimento Opzione Donna di partecipare in massa, per portare la protesta fino in piazza e non soltanto sui social. Nel mese di settembre, l'amministratrice del gruppo si è resa protagonista di diversi importanti incontri, fra cui anche quello con una piccola delegazione di deputati del Movimento 5 Stelle, ricevendo la promessa che i pentastellati avrebbero fatto tutto il possibile per sensibilizzare il governo su questa tematica. Lunedì invece, alle ore 16, presso il ministero del Lavoro, incontro conclusivo tra i sindacati e i rappresentanti dell'esecutivo sulla fase 2 della riforma, in vista dell'imminente discussione della manovra finanziaria nei prossimi giorni in Parlamento. #lavoro 2017