Pubblicità
Pubblicità

Rimane terreno di scontro anche all'interno della maggioranza l'aumento dell'età pensionabile [VIDEO] in base alle aspettative di vita come prevede la legge Fornero, mentre si resta ancora in attesa della convocazione dell'incontro tra #Governo e sindacati sulla fase due della riforma #Pensioni. A convocare la riunione dovrà essere il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti, nel frattempo dalla commissione Lavoro pubblico e privato della Camera dei Deputati arriva la proposta di rinvio della decisione sull'adeguamento delle pensioni alle speranze di vita rilevate dall'Istat, come prevede l'automatismo incluso nella tanto contestata legge Fornero.

Pubblicità

Pensioni, no della commissione Lavoro all'adeguamento previdenziale

"Insisto - ha dichiarato oggi il presidente della commissione Lavoro di Montecitorio - nel chiedere al Governo di non procedere col decreto di fine anno a sancire - ha spiegato Cesare Damiano secondo quanto riporta l'Ansa - l'innalzamento a 67 anni dell'età pensionabile a partire dal 2019". Sulla questione un parere ad hoc [VIDEO], che cerca di essere una via di mezzo tra le posizioni del governo che intende andare avanti e quelle dei sindacati che propongono il blocco senza se e senza ma, si è espressa la commissione Lavoro della Camera per chiedere sostanzialmente di rinviare la questione e prendersi più tempo per riflettere. "Nel nostro parere - ha spiegato Cesare Damiano - abbiamo chiesto il rinvio di questa decisione al giugno del prossimo anno, abbiamo tempo - ha sottolineato il parlamentare del Pd - per meditare".

Pubblicità

La proposta Damiano prevede il rinvio della decisione a giugno 2018

La relazione varata dalla commissione Lavoro di Montecitorio prevede praticamente di spostare al giugno 2018 la decisione sull'adeguamento previdenziale, nel frattempo ci saranno i nuovi dati dell'Istat [VIDEO] che offriranno un quadro più completo della situazione, e il Parlamento potrà intervenire con delle modifiche normative. Questi alcuni degli aspetti tecnici relativi alla fase due della riforma pensioni affrontati oggi dal presidente della commissione Lavoro della Camera parlando della legge di Bilancio 2018 con i cronisti a margine di un incontro a Siena. Damiano, per quanto riguarda gli aspetti politici, ha parlato dei rapporti con Articolo 1 - Movimento democratici e progressisti di Bersani. "Mi auguro che Mpd - ha sottolineato Damiano - non si opponga alla definizione della legge di Bilancio".