Pubblicità
Pubblicità

Come ogni giorno ecco le ultime novità relative la #pensione anticipata, i lavoratori #precoci e coloro che chiedono quota 41. Oggi 5 ottobre è una giornata importante perchè i sindacati hanno deciso di indire una nuova mobilitazione generale [VIDEO]per protestare contro il Governo e la sua prossima legge di Bilancio che non prevederà grandi manovre per quanto riguarda il comparto pensionistico. In poche parole la riforma Fornero non verrà toccata se non in minima parte e c'è il rischio che non arrivi nemmeno il blocco dell'aspettativa di vita che porterà ad innalzare l'età pensionabile a 67 anni. Vediamo allora i dettagli della manifestazione e le ultime novità sulle #Pensioni.

Pubblicità

Pensione anticipata 2017 ultime novità: manifestazione il 14 ottobre

CGIL, CSIL e UIl hanno deciso di indire una mobilitazione generale il prossimo 14 ottobre davanti alle prefetture di tutte le città italiane. I lavoratori scenderanno in piazza per rivendicare maggiori risorse per il lavoro giovanile, ma soprattutto per ribadire la necessità del congelamento dell'innalzamento dell'età pensionabile legato all'aumento dell'aspettativa di vita e nuovi correttivi per quanto riguarda le pensioni delle donne con figli o per coloro impegnati in lavori di cura. Dopo le notizie non positive arrivate dalla corte dei conti e da Bankitalia [VIDEO] i Sindacati non hanno perso tempo e hanno deciso di sferrare l'attacco al Governo tramite questa importante manifestazione.

Ultime notizie Pensioni precoci, quota 41 e APE: in commissione nuove richieste

Intanto in Commissione lavoro alla camera è stato esaminato l'aggiornamento della nota del Def e sull'APE e la quota 41 per i lavoratori precoci è stato chiesto di eseguire un nuovo monitoriaggio per consentire l'estensione della platea a tutti gli aventi diritto.

Pubblicità

Infine per quanto riguarda l'APE, arrivano novità anche per i lavoratori esteri, come ha segnalato l'On. Davide Baruffi su Facebook questa mattina: "Accesso all'#Ape sociale anche per chi ha versato una parte dei contributi all'estero: è una questione dirimente per i lavoratori transfrontalieri (ma non solo). A fronte della prima chiusura di Inps e Governo stiamo faticosamente conquistando una riconsiderazione del problema, per garantire parità di condizioni (e quindi un sacrosanto diritto) per questi lavoratori".

Qui sopra potete trovare il post completo e l'immagine dell'interrogazione in Camera dei deputati. Come ogni giorno noi restiamo a vostra disposizione nei commenti qui o sulla pagina facebook Ultime pensioni, e vi ricordiamo che potete rimanere sempre aggiornati con le notizie sulla pensione anticipata cliccando Segui in alto.