Pubblicità
Pubblicità

Anche nella puntata di ieri sera a DiMartedì Giovanni Floris ha dedicato uno spazio per parlare di #Pensioni anticipate 2017 e della riforma previdenziale che il Governo sta varando in queste ore. Dopo l'incontro con i sindacati di ieri l'esecutivo [VIDEO] ha infatti deciso di inserire tramite emendamento in legge di bilancio un "pacchetto" di riforme per la previdenza. L'ex Ministro del Lavoro Elsa Fornero è intervenuta durante la trasmissione per commentare le proposte fatte dal governo ai sindacati sull'età pensionabile e il calcolo della speranza di vita. Ecco cosa ha detto.

Pensione anticipata 2017 ultime novità: Elsa Fornero parla a La7 a Di Martedì

Durante l'intervista sulle pensioni Floris ha chiesto alla Fornero un parere sulle dichiarazioni dei sindacati che hanno ribadito come mandare in pensione la gente a 67 anni sia troppo.

Pubblicità

Elsa Fornero ha risposto: " Diciamo che 67 anni è l'età per il pensionamento di vecchiaia, quindi chi ha avuto una vita lavorativa precoce o lunga può accedere alla pensione prima grazie alla pensione anticipata [VIDEO]. Il Governo ha fatto, giustamente, anche delle eccezioni con l'APE Sociale. Dire adesso dopo tutti questi anni e in prossimità di una campagna elettorale che 67 anni sono troppi vuol dire non essere sinceri con i cittadini".

Floris ha poi chiesto che esborso potrebbe comportare per le casse dello stato evitare la pensione a 67 anni: "Ciò che facciamo al Governo ha effetto su decenni, Tito Boeri aveva calcolato l'effetto della sospensione dell'indicizzazione in alcune decine di miliardi di euro. Le cifre possono esser piccole nel breve periodo, ma si tratta sempre di risorse sottratte a qualche uso alternativo".

Pubblicità

La Fornero pone poi una domanda retorica pendendo ovviamente per la seconda ipotesi: "Vorrei che si discutesse se è prioritario spendere per le pensioni oppure se è importante parlare di occupazione, di giovani, di povertà nelle famiglie."

Ultime Notizie Pensione anticipata 2017: Fornero su contributo di solidarietà e attacca Berlusconi

Le novità di oggi 22 novembre sulle pensioni continuano con la seconda parte dell'Intervista a Elsa Fornero da Parte di Floris durante il programma DiMartedì su La7. Il conduttore ha chiesto se fosse percorribile un contributo di solidarietà a partire dalle pensioni più alte e da che livello di reddito potrebbe attivarsi? La Fornero risponde "Credo che chi abbia una pensione retributiva superiore a 3000 euro netti al mese non se la sia pagata per intero, e allora in questo caso in periodi di difficoltà questa misura sarebbe socialmente importante e di coesione.

Infine la Fornero commenta la campagna elettorale di Berlusconi che promette 1000 euro di pensioni minime a tutti: "Penso che si tratti di illusioni facilmente vendute per guadagnare qualche voto, ma i cittadini lo sanno bene e hanno imparato a distinguere le promesse dalla realizzazione." Per tutti gli aggiornamenti sulla #pensione anticipata 2017 continuate a seguirci e cliccate segui in alto! #Ape Social