La #puglia costituisce una regione d'Italia molto ampia comprendendo 19 540,9 km² di territorio composta dalle province di Bari, Brindisi, Barletta- Trani, #lecce, Taranto, Foggia.

Pubblicità

Il Salento, la Beverly Hills italiana

Sicuramente tra le località più interessanti che negli ultimi 10 anni sta trovando molto interesse da parte di numerosi turisti italiani e stranieri, troviamo la provincia di Lecce, cioè il #Salento: l'anno appena trascorso ha fatto registrare un vero e proprio boom di presenze, non solo "mordi e fuggi", in tutto il territorio salentino. Girando quest’estate diverse località Salentine, si è riscontrato tanta affluenza turistica, b&b ed alberghi pieni.

Questa stagione ormai alle porte - infatti le temperature hanno fatto registrare almeno un + 2 gradi rispetto alla media stagionale - sicuramente farà registrare un altro boom se non addirittura record di presenze.

Come Beverly Hills, nota località statunitense della costa ovest, dello stato della California, anche il Salento può essere paragonato a zona di forte attrazione turistica di una certa importanza, che ogni anno attira migliaia e migliaia di visitatori da tutto il mondo. Mare, sole, estese campagne, antiche masserie ristrutturate, ottimo cibo locale e di tradizione, aria fresca e pulita, chiese e piazze gremite, fanno da cornice a questa magica metà turistica.

Salento e l'exploit di case in affitto ai turisti

Tutto questo successo di presenze è dovuto anche all'utilizzo del web come fonte di ricerca e/o scambio di case in affitto per poter passare le proprie vacanze. I dati relativi alle case in affitto nel Salento danno la misura di un fenomeno in crescita esponenziale. I numeri li dà Matteo Stifanelli, country manager per l’Italia di Airbnb, il portale on line che mette in contatto persone in cerca di un alloggio generalmente per vacanza con i proprietari degli appartamenti, nato nel 2008 rivoluzionando di fatto il settore dell’affitta camere. In Puglia, nel 2016, sono stati registrati 23mila annunci (appartamenti messi a disposizione), dei quali oltre la metà riguardano solo la provincia di Lecce: sono stati, infatti, 17mila.

L'altro indicatore di gradimento di chi sceglie di trascorrere le vacanze estive e non, in Salento, vi è il numero di giorni di sosta del turista in vacanza dove soggiorna: basti pensare che nel 2016 i viaggiatori sono stati 141mila, equivalente ad una crescita del 90 per cento rispetto all’anno precedente.

Non si tratta perciò di turismo «mordi e fuggi». Periodo di sosta medio? 14 notti! E scusate se poco.