Pubblicità
Pubblicità

La terra si muove e arriva la seconda forte scossa di terremoto a distanza di pochi giorni nel Mediterraneo. Il Salento [VIDEO], si sa, non è una zona sismica, ma avverte i tremori dei #Terremoti che si verificano nei territori limitrofi. Nei giorni scorsi, esattamente il 26 dicembre alle ore 0.47, la terra si è mossa nella zona greca, poco a largo dell'isola di Lefkada, dove si è registrato un terremoto di magnitudo 4.8. L'ipocentro fu abbastanza superficiale a circa 10 chilometri di profondità. Una scossa abbastanza forte, che come detto, è stata registrata con magnitudo 4.8 dall'INGV. I tremori sono stati nettamente avvertiti nel Salento e in tutta la Grecia, soprattutto sulle isole di Cefalonia e Corfù.

Pubblicità

Non si sono registrati, fortunatamente, danni a cose o persone, ma la scossa è stata avvertita soprattutto ai piani alti delle abitazioni.

Altro terremoto: avvertito nel Salento

Stavolta la scossa arriva dal vicino Montenegro ed è più forte do quella registrata nei giorni scorsi. Oggi, 4 gennaio, alle ore 11.46, è stata registrata un'intensa scossa di terremoto sui Balcani centrali. Esattamente, l'epicentro è stato registrato nell'estremità meridionale del Montenegro. Stavolta la scossa non soltanto è stata avvertita su tutti i Balcani, ma è stata segnalata in varie zone della Puglia. Infatti, la forza del #sisma è stata maggiore di quello precedente: si parla di una scossa di magnitudo 5.2 (secondo l'INGV) sulla scala Richter, con ipocentro ancora a 10 chilometri di profondità.

Pubblicità

Il centro sismico EMSC ha assegnato al sisma la magnitudo 5.3 della scala Richter. Nell'area di 100- 150 chilometri, la scossa è stata avvertita in modo intenso.

Le segnalazioni si registrano dalle province di #Lecce, Brindisi e Bari e anche dal Molise. Secondo il sito meteoweb.eu, dopo la scossa di terremoto registrata nei Balcani, ci sono state segnalazioni soprattutto da i seguenti paesi: Lecce [VIDEO], Brindisi, Nardò, Taranto, Martina Franca, Trani, Putignano, Otranto. In questi momenti si sta cercando di quantificare la mole di danni sui territori colpiti dal sisma odierno e le notizie sono ancora poche, ma da quello che risulta,al momento sembra che non ci siano dei danni ingenti. Insomma, ancora una volta, la zona del Mediterraneo e, più esattamente, dei Balcani, viene scossa da un terremoto abbastanza intenso che ha fatto tremare anche alcune zone del Meridione italiano.