#Milano - Una bambina di appena sette anni è finita all'ospedale dopo un'aggressione di gruppo. I piccoli bulli sono stati sospesi. La bambina riporterà sicuramente anche danni psicologici. L'istituto San Carlo ha parlato di un normale gioco finito male.

La vicenda

Il fatto è accaduto lunedì scorso. Durante la ricreazione, la bambina è stata inseguita da quattro compagni di classe. La bambina è stata in seguito spinta per terra e portata in infermeria. Dopo l'uscita da #Scuola i genitori hanno subito cominciato a parlare del fatto. La bambina è stata portata in ospedale per delle lastre. La prognosi è una costola incrinata.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo i genitori, durante quel "gioco" sarebbero volate frasi pesanti di stampo sessista. Secondo alcuni genitori inoltre, i bambini in questione, sarebbero già noti per "continue prevaricazioni e angherie messe in atto nei confronti dei compagni di classe".

Diverse versioni dei fatti

Secondo l'istituto San Carlo si tratterebbe di un fatto isolato. La scuola ha inoltre definito l'accaduto come la conseguenza di un "eccesso di vigoria" dei bambini. Si tratterebbe quindi solo di un gioco finito male. La versione del legale dei genitori della bambina è differente. Secondo l'avvocato, si tratterebbe di una vera e propria "aggressione di gruppo". La bambina inoltre, oltre ai danni fisici, ha riportato danni psicologici che di sicuro le condizioneranno la vita nel lungo periodo. L'avvocato della famiglia ha accusato il San Carlo di aver rilasciato false dichiarazioni, manipolando la realtà dei fatti.

Pubblicità

La questione è quindi molto delicata. Per il momento i due compagni di classe sono stati sospesi.

I baby bulli

In Italia i casi di baby #bullismo non sono una novità. È successo l'anno scorso in un istituto di Bologna, dove un bambino di soli otto anni aveva spintonato e preso a pugni tre sue compagne di scuola. Il bullismo nella maggior parte dei casi è la manifestazione di un malessere. I genitori e la scuola devono essere quindi in grado di comprendere questo disagio per prevenire episodi di violenza fra compagni di classe.