Un pirata della strada ha attraversato a velocità sostenuta una delle vie centrali di Milano, questa mattina all'alba, travolgendo l'auto di un uomo di 56 anni, che è morto per le ferite riportate. L'uomo era ancora vivo quando il pilota del Suv è scappato a piedi e si è allontanato senza prestare soccorso. Il suo mezzo, un Suv nero, ha riportato notevoli danni, per cui lo ha abbandonato e pare che alla guida non ci fosse il proprietario dell'auto che nel frattempo è stato rintracciato.

Ora la polizia sta visionando i filmati registrati dalle telecamere di Via Monza, la strada dov'è avvenuto l'incidente, per identificare il pirata della strada.

Pubblicità
Pubblicità

All'arrivo dei soccorsi la vittima era agonizzante ma ancora viva, intrappolata nell'auto che si era accartocciata su sè stessa per la violenza dell'impatto. I militi hanno faticato per estrarlo dalle lamiere; l'uomo è stato condotto d'urgenza alla clinica Santa Rita ma è morto poco dopo. L'impatto è avvenuto in Via Monza alle 6.50 di questa mattina: testimoni hanno riferito che l'impatto tra le 2 auto, un' Audi Q7 di colore nero e una Nissan Qashqai grigia, è stato frontale ed è avvenuto all'altezza di via Popolo Uniti.

La Nissan si è ribaltata dopo l'impatto ed è al suo interno che la polizia ha trovato l'uomo in fin di vita. Per ora le notizia sulla sua identità rimangono riservate: si sa solo che è di nazionalità italiana ed ha 56 anni. L'altra auto, invece, era vuota al momento dell'arrivo delle forze dell'ordine perchè il guidatore è fuggito prima che la polizia locale fosse avvisata.

Pubblicità

Tramite l'auto si è risalito in fretta al nome del proprietario, ma pare abbia dichiarato di non essere lui alla guida della sua auto. Ora la polizia sta verificando le sue dichiarazioni per stabilire se il Suv sia stato rubato e da chi: oppure, se il titolare stia coprendo qualche amico o familiare a cui ha prestato il mezzo.

Dalle prime testimonianze e dai rilievi stradali è stato constatato che il Suv nero andava a velocità sostenuta, ben oltre il limite consentito.

Omicidio stradale ed omissione di soccorso

Il colpevole dovrà rispondere di omicidio stradale, di omissione di soccorso e di altre infrazioni gravi. Per chi fugge dopo aver provocato un incidente le pene si sono inasprite, si può arrivare fino a 18 anni di carcere. Ancora peggio se il pirata della strada è sotto lʼinflusso di droghe o alcol. Sono previste pene più severe anche solo in caso di lesioni. #piratadella strada