Ci sono degli anniversari che si contano sulla punta delle dita, e certamente più la tradizione è forte e radicata più suscita interesse e certamente orgoglio nel poter toccare con mano quello che, nel corso degli anni, è diventato un capitolo indelebile della storia di una città. Il protagonista è #giannasi, che nella giornata di martedì 2 maggio ha spento ben cinquanta candeline, festeggiando un avversario più unico che raro.

La parabola del pollo

Dorando arrivò a #Milano nel 1959, proveniente da un piccolo paese dell'Appennino tosco-emiliano. Nei primi anni '60 inizia a lavorare come garzone nella polleria di via Teodosio 3 (a qui tempi le cose erano molto diverse da come le conosciamo oggi, sia sul lavoro sia per quanto riguarda il tessuto urbano): sveglia prima dell'alba e lavoro senza sosta per quello che allora era il suo "padrone".

Pubblicità
Pubblicità

Solamente un anno più tardi però, assieme alla sorella maggiore Graziella, apre il suo primo negozio in via degli Scipioni, attività spostata negli anni successivi prima in Corso Buenos Aires e poi nelle definitiva ubicazione di Piazzale Buozzi, dove il chiosco di Giannasi risiede tuttora. Nel 1972 avviene l'assunzione del primo dipendente, mentre a metà degli anni '90 vengono inseriti per la prima volta uno spiedo e una friggitrice. Senza dimenticare che, nel 1990, Dorando Giannasi ha ricevuto la nomina a Cavaliere del Lavoro. Nel 2010 ha infine ricevuto dal Comune di Milano l'Ambrogino d'oro.

Una storia anche di cuore

Nella nuova vetrina di Corso Lodi 15 sono esposte alcune foto per ricordare i cinquant'anni di attività. Un angolo di ricordi dove svetta uno slogan importante "Giannasi spegne le candeline e accende lo spiedo".

Pubblicità

E certamente "The King of roast Chicken" può sfoggiare un vanto che non eccessivo, visto quello che è riuscito a costruire e soprattutto l'affetto e la soddisfazione che ha generato da ogni cliente fin dal suo primo giorno di attività. Sono queste le ricorrenze che rendono immortale una città, Milano può dunque fregiarsi di un merito che è anche un vanto, quello di essere la casa di una delle attività più amate del capoluogo lombardo. Ma l'attività di Giannasi non si limita a quella che è la produzione e distribuzione del pollo allo spiedo, perché dal 2007 (collaborazione mai interrotta) ha anche il tempo di dedicarsi ad attività sociali, nello specifico con AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro). #portaromana