#Alfa Romeo Giulia sfiora il titolo più ambito per una vettura, quello di Auto dell'Anno 2017. Il premio, consegnato al Salone di Ginevra alle 15 di lunedì 06 marzo, premia invece la #Peugeot 3008, crossover medio della casa del leone. Tra le rivali vi erano anche le prestigiose Mercedes Classe E e Volvo S90/V90. La classifica finale vede al settimo posto la Nissan Micra con 135 punti, mentre sesta è un'altra giapponese, la Toyota CH-R con 165 punti. Quinta si è piazzata la Citroen C3 con 166 punti, quarta la Volvo con 192 punti e terza la berlina Mercedes con 197 punti. Ha superato nettamente il muro dei 200 punti l'Alfa Romeo Giulia, che ha seminato le concorrenti piazzandosi seconda con ben 296 punti.

Pubblicità
Pubblicità

Un numero di voti che non è bastato a superare in classifica la Peugeot 3008, prima con 319 punti.

Quando vinsero Alfa Romeo 156 e 147

Per la Giulia è un peccato che il premio sia sfumato. Si sarebbe aggiunto a una ricca bacheca di riconoscimenti, come il premio Auto Europa 2017, l'Euro Car Body 2017 per la migliore scocca, il Volante D'Oro e tanti altri premi. Si sarebbe potuto dar seguito, inoltre, alla fortunata tradizione di Alfa Romeo in questo premio, conquistato in passato nel 1998 con l'Alfa 156 e nel 2001 con la 147. Ad ogni modo, la berlina del 'biscione' piange con un occhio solo, godendosi i più che lusinghieri dati di vendita di questo inizio 2017. Anche perché per Alfa Romeo la faccenda Auto dell'Anno non è affatto conclusa: con ogni probabilità riproverà a vincere il premio già nel 2018 con Stelvio, primo suv della storia del marchio.

Pubblicità

Onore alla vincitrice: Peugeot 3008

Al di là delle motivazioni ufficiali, c'è da dire che un peso lo avrà avuto anche la maxi fusione tra PSA (Peugeot, Citroen, DS) e #Opel, perfezionatasi in questi giorni. Nasce infatti il secondo colosso europeo dell'auto, con una quota delle vendite vicina al 17% nel vecchio continente. Le vendite della Peugeot 3008 vanno benissimo, e la sua elezione ad auto dell'anno farà contenti gli interessi dell'industria francese e tedesca, rappresentando la ciliegina sulla torta di una settimana finanziaria molto importante. Nel 2018 potrebbe essere Fca a convolare a nozze con un player mondiale, allora forse il premio più ambito verrà assegnato allo Stelvio.