Sicuramente chi ha deciso di acquistare casa si troverà a dover decidere se scegliere di accedere un mutuo a tasso fisso oppure a tasso variabile.

Del resto il 2014 sembra essere l'anno ideale per scegliere di accendere un mutuo a tasso variabile, questo perché i tassi Euribor non dovrebbero subire variazioni. Visto che il mercato immobiliare è in netta flessione, di conseguenza anche i prezzi degli immobili sono calati, purtroppo però bisogna fare i conti con una dura realtà che è quella degli spread bancari.

Infatti, spesso la cosa più difficile è riuscire ad ottenere un mutuo dipende dalle banche, proprio a causa degli spread, che negli ultimi tempi sono eccessivamente elevati, con la conseguenza che il mutuatario vede cosi salire il valore della rata mensile; un'altra difficoltà è rappresenta anche dalle eccessive garanzie che le banche richiedono.

Comunque la domanda che più frequentemente chi deve stipulare un mutuo, si pone è questa: meglio scegliere il tasso fisso o il variabile? Oggigiorno la maggior parte dei nuovi contratti di mutuo che vengono stipulatiti sono a tasso variabile, perché i migliori mutui a tasso fisso partono con un tasso del 5,5% in più a rispetto al 3% del tasso variabile.

C'è da dire però che anche se i mutui a tasso variabile sono sempre i più convenienti, bisogna considerare infatti che nel tempo potrebbero subire dei rialzi in base all'andamento dell'Euribor, potrebbe verificarsi sul medio periodo un aumento di due o tre punti; aanche se la convenienza del tasso variabile dovrebbe proseguire, stando a quanto dicono le previsioni, per tutto il 2014.

Infatti secondo le previsioni i tassi di interesse dei mutui relativi all'anno 2014 indicano che l'Euribor dovrebbe restare stabile anche se si prevede un rialzo soltanto verso la fine dell'anno, sfiorando lo 0,35% per la versione a 3 mesi.

Inoltre attualmente l'indice l'Euribor a 1 mese è allo 0,22%,mentre invece l'Euribor a 6 mesi è allo 0,40%, e si prevede che tutti e due rimangano stabili come quello a 3 mesi, il più usato per i mutui variabili, come abbiamo detto si prevede un rialzo dal 2015 in poi.

Utilizzando il portale Supermoney che si occupa di confrontare le migliori offerte disponibili sul mercato è risultato che i mutui a tasso variabile più convenienti in questo mese di febbraio 2014, per l'acquisto di una casa del valore di 150.000mila, per un mutuo di 100mila, è quella di Mutuo Variabile di Bnl Gruppo Bnp Paribas.

Il mutuo proposto da Bnl Gruppo Bnp Paribas ha queste caratteristiche: prevede il pagamento di una rata mensile pari 548,88 euro al mese, ad un tasso del 2,8% e un taeg del 3,02%; poi e troviamo Mutuo Pratico a Tasso Variabile di Deutsche Bank, in questo caso la rata mensile ammonta a 549,11 euro al mese, con un tasso del 2,89% e un taeg del 3,08%; per finire troviamo Mutuo Arancio Variabile di Ing Direct la cui rata mensile ammonta a 544,37 euro, con un tasso del 2,99% e taeg al 3,18 %. #erogazione mutui #mutuo tasso variabile