Date le condizioni economiche, per poter pensare di andar via dall'abitazione dei propri genitori è necessario scegliere i mutui prima casa più vantaggiosi che consentano di supportare, a poco a poco, una spesa come l'acquisto di un immobile: le offerte sono molte, ma bisogna far attenzione a scegliere la migliore per le proprie possibilità.

Molti utenti del mondo di internet allora consigliano di sfruttare la forza dei portali di confronto online, che permettono di fare un raffronto veloce e allo stesso tempo accurato dei prodotti di Mutuo Arancio e altre banche online e offline, per capire quale sia la più adatta.

Ad andare incontro alle esigenze di giovani e famiglie però è un nuovo progetto messo a punto dal Governo in queste settimane, dopo mesi di dialogo: si tratta del Plafond Casa, a disposizione dal 5 marzo con le risorse pattuite (2 miliardi della Cassa depositi e prestiti) per tutte le banche che si troveranno ad erogare mutui a tassi agevolati a coloro che rispondono ai requisiti del Piano.

Venti sono finora gli istituti bancari che hanno aderito, come rende noto l'Abi, e che si prodigheranno nel mettere a disposizione dei potenziali clienti tutte le informazioni necessarie a prendere in considerazione anche questa possibilità, distinta dalle altre soluzioni offerte dalla banca.

I possibili beneficiari del fondo saranno giovani coppie, famiglie numerose e nuclei familiari con almeno un soggetto affetto da disabilità: le finalità per cui si potrà chiedere il mutuo agevolato sono l'acquisto della casa principale e la ristrutturazione per rispondere a criteri di efficienza energetica.

Valutata poi ogni singola situazione, spetterà alla banca esaminare le domande e erogare il credito: tutto questo, ovviamente, valutando prima le situazioni di soggetti con priorità stabilite dalle regole del Piano.

L'importo che potrà essere erogato, per una durata superiore alla media dei mutui (dai 10 fino ai 30 anni), sarà diverso a seconda dell'esigenza che si ha: se bisognerà acquistare una nuova casa, si avranno a disposizione 250mila euro, se dovremo anche rimetterla a nuovo ce ne spetteranno 350mila. Qualora invece dovessimo adattare la nostra casa a norme di efficienza energetica, la banca potrà erogarci fino a 100mila euro.

Il Plafond continuerà ad "agire" fino ad esaurimento del fondo, con un limite di accesso per ogni banca fissato a 150 mila euro e i prestiti risponderanno alle condizioni espresse da ogni banca aderente.

Al momento della stipulazione del contratto, allora, dovrà essere specificato che il mutuo è stato erogato e concesso grazie al denaro della Cassa depositi e prestiti, indicando il TAN applicato all'anno e riferendosi alle condizioni standard di altri finanziamenti con la stessa durata, finalità e tasso (fisso o variabile). #mutui agevolati #mutuo casa