Si possono portare in detrazione gli interessi passivi del mutuo nella #Dichiarazione dei redditi, anche le spese accessorie quali perizia e istruttorie ma solo per l'anno fiscale di quando si è acceso il finanziamento

Le #Detrazioni fiscali sul mutuo sono per i mutui acquisto, costruzione e ristrutturazione abitazione principale, la prima casa, e l'ammontare è diverso a seconda del tipo di finanziamento; va anche considerato in che anno si è stipulato il mutuo, cosa molto importante.

Per altre agevolazioni fiscali:

Detrazioni fiscali mutuo acquisto prima casa

Per il mutuo acquisto abitazione principale si può portare nella dichiarazione dei redditi una detrazione Irpef al 19% sugli interessi passivi, sugli oneri accessori iniziali, sulle quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione.

Pubblicità
Pubblicità

Per avere tali sgravi fiscali occorre che il mutuo sia garantito da ipoteca e sia per acquisto di unità abitativa adibita ad abitazione principale entro un anno dall'accensione del mutuo (derogabile in caso di trasferimento per lavoro successivo all'acquisto, o meglio al rogito che fa fede per le date). L'acquisto dell'immobile deve essere avvenuto entro un anno prima o dopo la stipula del mutuo.

A quanto ammontano le detrazioni fiscali per il #mutuo casa? La massima detrazione ottenibile è pari a 760 euro in quanto il tetto massimo su cui calcolare la detrazione Irpef al 19% da segnare nella dichiarazione dei redditi è 4000 euro.

Come detto oltre agli interessi passivi del mutuo è possibile portare in detrazione anche le spese accessorie del primo anno, cioè quelle necessarie per accendere il mutuo: perizia, istruttoria, iscrizione o cancellazione dell'ipoteca, spese notarili (non quelle per la compravendita dell'immobile), intermediazione bancaria.

Pubblicità

Dato che per abitazione principale si intende dove vivono di norma il contribuente o i suoi familiari, la detrazione sul mutuo spetta anche l'intestatario del mutuo - acquirente della casa vive da un'altra parte se l'immobile in questione è prima casa per un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).

Detrazione fiscale mutuo cointestato ad entrambi i coniugi: in questo caso quello che ha a carico l'altro può avere lo sgravio su entrambe le quote degli interessi passivi se valgono le condizioni su indicate e se

  • l'immobile sia stato dichiarato abitazione principale entro l'8 dicembre 1993
  • nel caso di acquisto d'immobile locato, sia stato notificato al locatario, entro tre mesi dall'acquisto, atto d'intimazione di licenza o di sfratto per finita locazione e che entro un anno dal rilascio dell'immobile da parte del locatore, l'immobile stesso sia adibito ad abitazione principale
  • per i mutui accesi tra il 1 gennaio 1993 ed il 31 dicembre 2000 è necessario che la casa sia divenuta abitazione principale entro sei mesi dall'acquisto (entro l'8 giugno 1994 per i mutui stipulati nel 1993) e che l'acquisto (data di stipulazione del rogito notarile) sia avvenuto nei sei mesi antecedenti o successivi alla data di stipulazione del mutuo.

Detrazioni fiscali mutuo costruzione o ristrutturazione

Tali sgravi si possono domandare per mutui ipotecari costruzione-ristrutturazione abitazione principale stipulati dal 1998 in poi (per quelli fino al 1997 anche per immobili diversi dalla prima casa).

Pubblicità

L'importo massimo interessi + spese accessorie su cui calcolare la detrazione fiscale del 19% è 2.582,28 euro ed i lavori di costruzione devono essere iniziati sei mesi prima o diciotto mesi dopo la data di stipula del contratto di mutuo, l'unità immobiliare essere adibita ad abitazione principale entro sei mesi dal termine dei lavori.