Pubblicità
Pubblicità

Questa mattina una famiglia di turisti è stata totalmente inghiottita dal #Vulcano Solfatara, sito a Pozzuoli (Na). A perdere la vita durante una regolare visita di routine presso il famoso sito delle Fumarole è stata una famiglia di Torino, un padre con la moglie ed il figlio. Sembra che l'intera famiglia sia scivolata in una voragine presso il super-vulcano, mentre procedevano lungo il percorso guidato disposto presso il sito.

Sul posto sono immediatamente accorsi i vigili del fuoco che stanno cercando di recuperare i corpi e fare una prima ricostruzione della dinamica dell'accaduto. A quanto si evince dalle indagini il papà con la madre hanno cercato di salvare uno dei figli che aveva oltrepassato l'area interdetta, spingendosi di conseguenza anch'essi oltre il limite di sicurezza prestabilito attorno ai crateri.

Pubblicità

L'operazione è stata fatale per l'intera famiglia, visto che a prevalere è stata la forza del vulcano che ha inghiottito a sé tutti e tre i corpi. Presso l'area è giunto anche il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia.

Maltempo e trivellazioni

Negli ultimi giorni le condizioni avverse meteorologiche hanno causato frane e disagi in tutta la regione Campania. Il violento nubifragio ha determinato danni e crolli prima della #tragedia avvenuta stamane alla Solfatara. La famiglia, dunque, è stata colta dagli smottamenti del suolo poiché il terreno di tutta l'area di Pozzuoli è fragile, di conseguenza alla tempesta di chicchi di grandine grandi come pietre caduti ieri.

Un altro fattore preoccupante è il progetto di realizzazione di una centrale geotermica presso il vulcano, per la quale vengono effettuate continue trivellazioni che innalzano al massimo il rischio sismico.

Pubblicità

L'allarme arriva dal vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, che ha denunciato i rischi connessi alle perforazioni delle trivellazioni in sistema vulcanico a così alto rischio al mondo.

Il vulcano Solfatara e le Fumarole

Già conosciuto all'epoca imperiale romana, il vulcano apre le porte ai visitatori nel 1900. Durante gli anni del "Gran Tour", ogni nobile ragazzo aggiungeva nella lista delle sue escursioni una tappa alla Solfatara. E' il più interessante vulcano dei Campi Flegrei, dove un tempo fu creato anche un complesso termale, in cui la gente poteva curarsi con i fanghi del sito vulcanico. I Campi Flegrei sono costituiti da circa 40 vulcani e circondati da numerosi luoghi d'interesse turistico come l'Acropoli di Cuma, l'Anfiteatro Flavio, le Terme di Baia ed il Tempio di Serapide.

#Maltempo