Le bufale sono delle notizie talmente strane e eclatanti che fin da subito sembrano costruite. La peculiarità delle bufale è quella di diventare virali: in poco tempo dalla pubblicazione, riescono a diffondersi a macchia d'olio sui principali social web sui portali dedicati all'argomento in questione e persino su WhatsApp. Gli argomenti sono i più disparati: mondo degli animali, curiosità, strani avvistamenti UFO o imprese impossibili. Non c'è proprio limite alla fantasia insomma. A volte le bufale si tingono di tinte macabre e anche discutibili: sono infatti noti gli annunci di morte totalmente inventata di personaggi famosi, ultimi tra tutti Renato Pozzetto e Maurizio Costanzo.

Grande interesse del mondo delle bufale è il gossip, sia nazionale che internazionale. Le star più famose sono quelle maggiormente colpite. Puntualmente, i manager e gli agenti ribattono con smentite ufficiali, mettendo a tacere voci false. Nel 2015, una modella russa è finita su tutti i social, con l'accusa di aver tinto di rosa il gatto, per poterlo adattare al vestito. L'animale sarebbe poi morto, causando la reazione violenta degli animalisti. Peccato fosse una bufala colossale: il gatto sta benissimo e la storia è stata smentita dalla televisione russa.

Molte delle bufale che circolano in rete non hanno solo lo scopo di far divertire e attirare l'attenzione. In certi casi mascherano virus piuttosto fastidiosi che si insinuano nei pc di chi clicca l'articolo o il video incriminato. Altra bufala frequente è proprio l'opposto: sui social e sui cellulari arrivano messaggi di avviso che preannunciano l'imminente pericolo di virus potentissimi. Uno degli ultimi è stato 'La danza del Papa': chi avesse cliccato sul video, si sarebbe trovato alle prese con malfunzionamenti di pc e sistemi Android.

Se la bufala rimane fine a se stessa, è ben accetta. Facebook ha addirittura creato pagine e gruppi dedicati alle bufale più colossali del pianeta, attirando milioni di followers che aspettao con ansia la migliore notizia così assurda da sembrare vera.