Alexa
Il mitico

Concorsi Pubblici

|
Canale
Canale seguito 419 Follower
Questa è la community di Concorsi Pubblici. Iscriviti per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie e per connetterti con gli altri membri!
Amministratore: Fabio Plutino
More
Segui
419 Follower
Iscrivendoti, riceverai aggiornamenti giornalieri su Concorsi Pubblici
Voglio ricevere aggiornamenti su Concorsi Pubblici
Mostra al mondo la tua passione
Gestisci un canale per Blasting News e inizia a guadagnare.
Cosa ti appassiona?
Raggiungi un'audience più grande
Sei una figura pubblica, un'agenzia media o un influencer famoso?
Richiedi un invito per gestire il tuo canale
Leggi tutti i post dei follower

Il mitico "posto fisso" si trova ormai solo con i concorsi, ed è ben retribuito!

Oggi più che mai i concorsi pubblici sono una grande opportunità di lavoro, per giovani e meno giovani.

Perchè scegliere il pubblico e non il privato?

Fino a qualche decennio fa la pubblica amministrazione era considerata, specie al nord, un ripiego: le aziende private assumevano senza tante complicazioni (un curriculum, un colloquio ben riuscito e si era già alla scrivania), e le condizioni retributive e di carriera erano più attraenti rispetto a quelle offerte dalle pubbliche amministrazioni.

Ma dieci anni di pesantissima crisi economica hanno mutato profondamente il contesto produttivo del paese: molto imprese hanno chiuso i battenti, e quelle rimaste non godono certo delle prospettive di espansione della produzione che sono una precondizione per nuove assunzioni.

Il panorama del lavoro privato è diventato quindi, purtroppo, sempre meno roseo, e sempre meno appetibile: sembra una chimera ormai trovare un posto di lavoro sicuro e a tempo indeterminato, con tutti i diritti garantiti, in cui una donna può decidere di mettere al mondo un bambino senza rischiare il licenziamento o il demansionamento, le ferie e le malattie pagate, uno stipendio dignitoso e chi arrivi puntuale ogni mese.

Per questo impiegarsi nella pubblica amministrazione è oggi estremamente appetibile, perchè essa è rimasta "un'isola felice" in cui non bisogna piegarsi a sottostare a condizioni di lavoro umilianti, a straordinari non retribuiti, a stage e tirocini gratuiti, a partite IVA fittizie e a tutta una serie di strumenti che spesso nascondono solo la realtà amara dello sfruttamento.

Vediamo dunque quali sono i vantaggi del lavoro al servizio dello Stato e degli enti pubblici:

  • un impiego a tempo indeterminato, il mitico "posto fisso" a cui tutti anelano, che è stato spazzato via dalla precarietà nel settore privato;
  • uno stipendio che arriva puntuale tutti i mesi, senza eccezioni e ritardi, e che è sempre superiore a 1.000 euro netti, ma che nella maggioranza dei casi si aggira intorno ai 1.500 euro;
  • 36 ore di lavoro settimanali, generalmente: un orario che consente di conciliare il lavoro con la vita privata e con la famiglia, o i propri hobby
  • straordinari pagati e non imposti dal datore di lavoro, ma scelti
  • malattie e ferie pagate: queste ultime dai 28 ai 32 giorni all'anno, a secondo dei casi
  • permessi retribuiti per visite mediche, studio ed altre attività

Come si vede, si tratta di condizioni oggi quasi introvabili nel settore privato: per questo optare per la strada dei concorsi è oggi una scelta saggia e proficua.