Alexa
Origini e breve storia del Movimento 5 Stelle fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio

M5S

Amministratore
Iscritto
3 Iscritti al canale
More
Iscriviti al canale
Alessandro Mazzetto
Edward Arnott
Maurizio Piccolo
3 Iscritti al canale
Iscrivendoti, riceverai aggiornamenti giornalieri su M5S
Voglio ricevere aggiornamenti su M5S
Mostra al mondo la tua passione
Gestisci un canale per Blasting News e inizia a guadagnare.
Cosa ti appassiona?
Raggiungi un'audience più grande
Sei una figura pubblica, un'agenzia media o un influencer famoso?
Richiedi un invito per gestire il tuo canale

Origini e breve storia del Movimento 5 Stelle fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio

Il Movimento 5 Stelle, come conferma il suo stesso nome, si caratterizza per il fatto di non essere un partito, ma una forza politica costituita sotto forma di associazione che aggrega istanze popolari provenienti dal basso. Fondato ufficialmente il 4 ottobre del 2009 dall’imprenditore Gianroberto Casaleggio (scomparso il 12 aprile 2016) e dal comico genovese Beppe Grillo, il M5S è diretto discendente del movimento Amici di Beppe Grillo, nato nel 2005, e delle Liste Civiche con il simbolo delle cinque stelle presentate alle elezioni amministrative del giugno 2009. Simbolo pentastellato che richiama cinque tematiche riguardanti ambiente, acqua, trasporti, sviluppo ed energia.

Presidente e rappresentante legale del Movimento (il “garante”, come lo definiscono i grillini) è il solo Beppe Grillo, nominato espressamente in questo ruolo nell’atto costitutivo registrato il 18 dicembre del 2012. Tutte le iniziative politiche e le proposte del M5S, basate sul meccanismo della democrazia diretta via web, vengono pubblicizzate e proposte attraverso il blog del guru genovese, oppure sul sito ufficiale del Movimento.

Il M5S si è caratterizzato fin da subito per essere una forza politica nettamente contrapposta agli altri partiti presenti in parlamento, definiti spregiativamente con il termine “casta”, mutuato dall’omonimo libro scritto dai giornalisti Stella e Rizzo. Altro aspetto fondamentale è la rivendicazione di essere un movimento che non si richiama ai valori né della destra, né della sinistra, categorie politiche ritenute obsolete e superate dalla realtà dei fatti del XXI secolo.

La prima svolta del nascente Movimento arriva il 14 giugno 2007, quando Grillo presenta il V-Day, iniziativa antipartitica, finalizzata alla raccolta di firme per presentare una legge di iniziativa popolare che introducesse le preferenze nella legge elettorale e vietasse di candidare in Parlamento i condannati in sede penale o chi avesse già partecipato a due legislature.

Da quel momento per il M5S è stata una mirabolante ascesa, culminata con il ‘boom’ fatto registrare alle elezioni politiche del febbraio 2013, affermandosi come prima forza politica italiana (voto all’estero escluso) alla Camera con il 25,55% dei voti.