Maserati viene fondata nel 1914 a Bologna. La sua nascita può quasi essere definita casuale: infatti tra la famiglia Maserati ed il mondo dell'automobile apparentemente non vi è alcun legame. La Casa del Tridente nasce grazie ad Alfieri, che aveva iniziato riparando biciclette. Assunto molto giovane dalla Isotta Fraschini, Alfieri Maserati fonda un proprio garage e fornisce assistenza ai proprietari delle Isotta, fino a quando non inizia ad elaborare automobili per conto suo. Il 1914 è l'anno in cui Alfieri fonda dunque la Casa automobilistica che porta il suo cognome. La prima vettura, la Tipo 26, nasce 11 anni dopo (1925), e si rivela in grado di sfidare le migliori Alfa Romeo e Bugatti dell'epoca.

Alfieri scompare nel 1932: i fratelli Ettore ed Ernesto prendono le redini dell'azienda e le danno una precisa connotazione sportiva ma i costi sono troppo elevati e così il marchio viene ceduto nel 1937 alla famiglia Orsi, sotto il cui controllo verrà conquistata la prima 500 Miglia di Indianapolis. Alla fine degli anni '50, nel giro di pochi anni debuttano la 3500 GT, la Sebring e la Mistral. E' anche il periodo della prima Quattroporte, mentre negli anni '60 nasce la Ghibli. Nel 1968 Maserati passa sotto il controllo della Citroën. Dall'unione con il costruttore francese nascerà la Citroën SM. In questo periodo sotto la direzione dell'ingegnere Giulio Alfieri nascono modelli come Bora, Merak e Khamsin.

Il 1973 è l'anno in cui l'azienda francese annuncia la propria intenzione di porre Maserati in liquidazione, ma fortunatamente l'azienda non chiude e viene rilevata da Benelli e De Tomaso, che ne diventa l'amministratore delegato. Nel 1993 il marchio viene acquisito dalla FIAT. Sotto la guida della casa torinese avviene il lancio di nuovi modelli che apre nuovi mercati per l'azienda. Vengono lanciate la nuova Spyder e la Coupè e ci si appresta a tornare nel mercato americano. Il successo è immediato e gli Stati Uniti diventano già dal primo anno di commercializzazione, il 2002, il maggiore mercato al mondo per Maserati. L'anno dopo arrivano la Quattroporte, la Quattroporte Automatica e la GranTurismo (2007). Oggi la produzione vede la nuova Quattroporte e la Ghibli.

Foto di 4652Paces, da Flickr.