Alexa
La tv italiana nasce nel 1954 con la prima rete Rai, seguita dopo più di 25 anni dal primo canale privato Mediaset.

Televisione

Amministratore
Iscritto
3 Iscritti al canale
More
Iscriviti al canale
Romana Monticelli
Tatiana Irimia
Luigi Martino
3 Iscritti al canale
Iscrivendoti, riceverai aggiornamenti giornalieri su Televisione
Voglio ricevere aggiornamenti su Televisione
Mostra al mondo la tua passione
Gestisci un canale per Blasting News e inizia a guadagnare.
Cosa ti appassiona?
Raggiungi un'audience più grande
Sei una figura pubblica, un'agenzia media o un influencer famoso?
Richiedi un invito per gestire il tuo canale

La tv italiana nasce nel 1954 con la prima rete Rai, seguita dopo più di 25 anni dal primo canale privato Mediaset.

Televisione è un termine che è stato ripreso in Italia dall'anglosassone television, che a sua volta deriva dal greco tele - a distanza - e dal latino video - vedo - con il quale attualmente si indica un apparato con il quale vengono trasmessi programmi di vario genere. Dopo le prime fasi dette 'della scarsità' dagli anni quaranta agli anni settanta - quando frequenze e canali sono scarsi - e detta 'intermedia' la fase compresa tra gli anni settanta e la metà degli anni '90 - nei quali canali e frequenze sono un numero maggiore - mentre al momento siamo nella fase dell'abbondanza, con canali e frequenze illimitate, soprattutto dopo che sono state sviluppate e diffuse la tv satellitare e il digitale terrestre.

I generi di trasmissioni televisive più conosciute sono telegiornale, varietà, game show o i vari tipi di fiction o serie tv. Attualmente in Italia vengono anche trasmessi format di programmi molto famosi e prodotti in tutto il mondo come Masterchef, XFactor e Il Grande Fratello.

Il primo canale televisivo italiano nasce nel 1954: si tratta di Rai 1 (inizialmente Programma nazionale, poi ri-nominata Rete 1 nel '76, Rai Uno nel 1983 mentre il nome attuale risale al 2010), seguita solo a 7 anni di distanza Rai 2; Rai 3 infine vede i suoi albori il 15 dicembre del 1979. Tutti e tre questi canali fanno parte della televisione pubblica mentre la televisione privata che si contrappone maggiormente alla Rai sono quelli Mediaset, che arrivano a essere molto conosciuti a partire dagli anni '80 quando la vecchia Telemilano cambia logo e nome e diventa Canale 5, seguita due anni dopo da Italia 1 e Rete 4.

Una ulteriore evoluzione si ha a partire dagli anni novanta quando si affacciano nel panorama delle emittenti televisive italiane le tv a pagamento: nel 1991 infatti approda nel nostro paese Tele+ seguita dopo breve tempo da Stream Tv; dal 2003 poi Sky, dall'acquisizione delle due piattaforme satellitari, diventa monopolista con offerte completamente personalizzabili dall'utente che può scegliere la tipologia di trasmissioni ed eventi da comprare singolarmente o in abbonamento.

In seguito all'avvento del digitale terrestre Mediaset ha poi creato la sua offerta di pay tv con canali da poter vedere in abbonamento su digitale terrestre acquistando Mediaset Premium.