Con il termine terremoto si indica propriamente 'movimento della terra'. Si manifesta con scosse della crosta terrestre, più o meno violente, che sono causate dall'improvviso scostamento di masse rocciose presenti nel sottosuolo. La potenza del terremoto è senza pari, se si pensa che è in grado di distruggere chilometri cubi di crosta terrestre. La sua forza è maggiore di un migliaio di bombe atomiche.

Purtroppo, il terremoto può provocare una serie di fenomeni conseguenti di portata potenzialmente tragica, come inondazioni, intossicazioni dovute a fuoriuscite di gas nocivi, incendi e distruzioni di massa. I terremoti più pericolosi sono quelli che avvengono in prossimità di zone costiere, in quanto potrebbero generare maremoti o, nei casi peggiori, tzunami. Per avere un'idea di quanto sia potente un terremoto, ricordiamo che uno dei più terribili, quello scoppiato l'11 marzo 2011 in Giappone, è stato in grado di allontanare di qualche centimetro il Polo Nord.

Il terremoto che in assoluto, nella storia dell'umanità, ha fatto più vittime, è stato nel 1556 a Shaanxi, in Cina. I morti furono più di 830mila. La situazione italiana è abbastanza problematica, aggravata anche dal fatto che nelle zone più disagiate e a rischio di terremoto, impera l'abusivismo edilizio, che non fa altro che aumentare il fattore di rischio e distruggere le iniziative di tutela ambientale.

Nel secondo millennio, l'Italia è stata soggetta a 500 terremoti. Le vittime italiane morte a causa dei sismi sono state tantissime: nel 1963, a Noto 60mila, mentre nel 1980 in Basilicata e in Irpinia quasi 3mila morti. Il macabro record di vittime italiane è stato raggiunto il 28 dicembre 1908 a Messina e in Reggio Calabria: 100mila morti, con una magnitudo di 7,24. Negli ultimi 30 anni, la Rete Sismica Nazionale (RSN) ha contato oltre 150mila sismi sul territorio italiano. Di questi, circa 50 hanno avuto una magnitudo superiore ai 5 Richter. I due eventi sismici dalle conseguenze maggiori degli ultimi tempi, sono avvenuti il 6 aprile 2009 in Abruzzo e il 20 maggio 2012 in Emilia Romagna.