Dalla cessione dell'anno precedente di Pogba, la #Juventus ancora non aveva trovato un buon sostituto. Ma ora c'è. Il suo nome è Rolando Mandragora, classe novantasette centrocampista della Juventus e della nazionale Under 21, nato e cresciuto nella difficile realtà di Scampia. Il giovane talento juventino ha avuto la possibilità di farsi notare oltre che con l'Under 21, anche con la Nazionale di Ventura, che lo ha convocato nell'ultimo stage a Coverciano, entrando quindi a far parte della lista di giocatori da impiegare per la prossima futura nazionale italiana. Nel 2016 viene acquistato dal Genoa per 6 milioni più eventuali bonus.Debutto con la squadra bianconera proprio contro il Genoa, e possibilità di costruirsi un futuro all'interno della Juventus 2.0 di Massimiliano #Allegri.

Pubblicità
Pubblicità

L'esordio nella Serie A

E' stato il Genoa, il club dei Grifoni che gli ha permesso di esordire nel 2014 nella massima divisione. Tanti infortuni e un pò di sfortuna. Prestito al Pescara, frattura del quinto metatarso del piede destro, poi altro intervento allo stesso piede. Poi, finalmente un po' di luce fuori dal tunnel. Il grande rientro. Il giocatore ha avuto il suo massimo splendore di gloria contro il Genoa, l'esordio con una grande maglia, l'esordio in un grande stadio come lo Stadium. Giusto l'assaggio dell'esordio in una gara già decisa ma che ha confermato quanto di buono il ragazzo ha fatto nel passato. #Mandragora, con forte personalità, si è imposto e ha fatto notare la sua presenza. Massimiliano Allegri lo vuole con lui in prima squadra. Lo stesso Mandragora ha deciso di rimanere definitivamente a Torino, allontanando le sirene delle altre squadre, a cui faceva gola, e soprattutto una eventuale cessione temporanea.

Pubblicità

Non è un mistero che più club abbiano tentato la via del prestito biennale, sia il Sassuolo che l' Atalanta volevano stipulare un accordo con il giocatore. Ma i tentativi di portarlo via da Torino sono falliti. L'a.d. bianconero, Beppe Marotta, e Paratici credono fortemente nelle capacità del giovane centrocampista di Scampia, così come e soprattutto Massimiliano Allegri. Centrocampista e supporto in difesa, ruolo molto duttile e malleabile. Emozione, gioia, tenacia e grinta. Sono tutte le caratteristiche di questo giovane giocatore, Rolando Mandragora proveniente da una terra difficile come Scampia. Ma soprattutto la consapevolezza che la strada è quella giusta, ma quella strada è ancora in salita, soprattutto perchè giocare in una grande squadra come la Juventus, presuppone soprattutto di non sbagliare.