Le elezioni della regione Sicilia [VIDEO], le prime a statuto speciale, sono in programma per domenica 5 novembre. I tre leader del centrodestra che concorrono per un unico candidato, Nello Musumeci, sono scesi in campo in prima persona per la chiusura della campagna elettorale, tenendo comizi a distanza ravvicinata nel giorno di giovedì 2 novembre. Quasi un anno dopo dalla manifestazione organizzata a Bologna, #Silvio Berlusconi (Forza Italia) #Matteo Salvini (Lega) e #giorgia meloni (Fratelli d'Italia An) si sono ritrovati faccia a faccia per una cena insieme.

Prove di alleanza per un centrodestra unito

Con l'approvazione della nuova legge elettorale conosciuta col nome di Rosatellum, tramite firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, partiti e militanti respirano ormai il profumo della campagna elettorale, visto il ricco calendario che si prospetta, tra elezioni regionali e politiche.

Pubblicità
Pubblicità

Impazzano ormai i sondaggi, che vede in testa il centrodestra unito, si parla di numeri che vanno oltre il 35%. L'intesa tra i leader c'è ed il programma politico anche, ma il nodo cruciale è sulla leadership. In più casi è stato ribadito che il leader del centrodestra sarà colui che prende più voti.

Per i forzisti la discussione è già chiusa, perché non vedono altro che il loro leader Silvio Berlusconi a capo della coalizione. I leghisti ormai orfani della parola "Nord", per racimolare più voti in chiave nazionale, vogliono il rinnovamento e vedono in Matteo Salvini il leader del centrodestra.

Giorgia Meloni è l'unica che al momento appare pacata e poco interessata alla leadership, ma quando c'è da dire la sua di certo non si tira indietro; un po' come il per il referendum sull'autonomia di Veneto e Lombardia, che ha espresso senza troppi problemi, il suo malcontento.

Pubblicità

Per lavorare alla coalizione di un centrodestra unito ancora ce n'è di strada da fare, ma aver trovato già un punto d'incontro per le elezioni della Sicilia non è cosa da sottovalutare. I lavori sono in corso seppur rimandato tutto a dopo il 6 novembre, ma militanti simpatizzanti e politici addetti ai lavori, sono speranzosi e positivi.

Dopo quattro Governi di sinistra, la gente si aspetta un cambiamento dal paese, perché esasperata. La sinistra ad oggi non sta vivendo un buon momento, mentre il Movimento 5 stelle appare ancora troppo acerbo. L'unione del centrodestra, se confermati i sondaggi, potrebbe volare in testa alle elezioni e confermarsi il primo partito del paese. Nel frattempo attendiamo tutti le elezioni della regione Sicilia, per verificare la veridicità dei sondaggi.