#Palermo, 14 giugno – Una terribile tragedia si è consumata oggi nell’hinterland palermitano. Nella tarda mattinata di oggi un ragazzo ha perso la vita cadendo da un dirupo a Palermo nei pressi di via Villagrazia che si trova nella porzione a sud-ovest del Capoluogo siciliano.

Il ragazzo che si chiamava Manfredi Sala mentre giocava con la propria bicicletta insieme ad un amico è stato ritrovato sul fondo di un dirupo a seguito di una caduta d un’altezza di oltre settanta metri.

Dalle prime ricostruzioni dei carabinieri, che stanno indagando per ricostruire la dinamica dell’incidente, sembra che i due amici abbiano deciso di lasciare la bicicletta nei pressi di un albero e di proseguire scalando una parete scoscesa.

Pubblicità
Pubblicità

Pare che l’amico abbia deciso a metà percorso di fermarsi, Manfredi invece ha proseguito la sua scalata. Qualcosa però è andato storto e, probabilmente per un frammento di roccia staccatosi da sotto i piedi del ragazzo, il giovane è caduto finendo in un burrone.

L’amico dopo la rovinosa caduta si è subito avvicinato per constatare le sue condizioni e provare a rianimarlo con una respirazione bocca a bocca ma senza successo, ha così chiamato i soccorsi. Sul posto si sono recati due elicotteri alla ricerca del ragazzo e, dopo averlo rintracciato, è iniziata l’operazione di recupero. Il ragazzo diciassettenne è sembrato da subito gravissimo per le numerose ferite riportate in seguito alla caduta e vani sono stati i tentativi di rianimazione.

La madre dell’altro ragazzo è subito venuta per rassicurare il figlio, sotto shock sulla barella dell’ambulanza, ma in perfette condizioni di salute.

Pubblicità

Mentre nel quartiere girava già la voce della morte di Manfredi, nessuno era riuscito in un primo momento a rintracciare i familiari.“ Sul posto sono arrivati i genitori del ragazzo ed alcuni amici accorsi subito dopo aver appreso la notizia. Tra loro vi era anche la fidanzatina di Manfredi.

Manfredi Sala era un giovane studente dell’istituto tecnico Vittorio Emanuele III di Palermo e viveva ad Altofonte, una città che si trova vicina al luogo della tragedia.