Sono state elette ieri, a tarda notte, le sei commissioni consiliari che permetteranno al consiglio comunale di Adrano di entrare nel vivo dell'attività amministrativa.

Le sei commissioni saranno così composte: 1° Commissione - Affari Generali, costituita dai consiglieri Politi, Scafidi, Zignale, Coco, Santangelo, Trovato, Leocata, Monteleone e Perni; 2° Commissione - Programmazione Economica, Bilancio, Finanza e Patrimonio, formata dai consiglieri Politi, Cancelliere, Coco, Di Primo, Maccarrone, Leocata, Monteleone, Perni e Brio; 3° Commissione - Pubblica Istruzione, Cultura, Beni Culturali e Ambientali, Sport e Turismo, costituita dai consiglieri Ricca, Franco, Salanitro, Del Campo, Trovato, Cusimano, Verzì, Mannino e Sampieri; 4° Commissione - Igiene, Sanità, Assistenza, Polizia Urbana e Annona, formata dai consiglieri Ricca, Alberio Di Primo, Maccarrone, Pulvirenti, Petralia, Mannino, Alongi, Verzì; 5° Commissione - Agricoltura, Commercio, Artgianato e Cooperazione, costituita dai consiglieri Caltabiano, Cancelliere, Franco, Del Campo, Cusimano, Sampieri, Alongi, Bulla e Brio; 6° Commissione - Urbanistica, Comunicazioni e Lavori Pubblici, formata dai consiglieri Caltabiano, Scafidi, Zignale, Salanitro, Alberio, Santangelo, Petralia, Pellegriti e Bulla.

Pubblicità
Pubblicità

Una seduta tutt'altro che facile, visto che si è giunti a trattare gli ordini del giorno solo dopo due ore dall'inizio della seduta. In aula, infatti, non sono mancati tra i consiglieri insulti e accuse di varia natura verso i colleghi di gruppi consiliari rivali, per la Presidente Branchina è stato arduo mantenere l'ordine soprattutto quando il consigliere Brio, che forse ancora non ha smesso i panni di Presidente, continuava a spiegarle, in tono polemico, ciò che avrebbe dovuto fare. In apertura di seduta il consigliere Alongi si è così rivolto alla Presidente Branchina: "Presidente Liggeri (cognome del marito, attivo in politca, del Presidente Branchina, ndr), ops, mi scusi, volevo dire Branchina", un errore che non è passato inosservato.

Come già accaduto per l'elezione del Presidente del Consiglio, la parte dell'opposizione appartenente al gruppo consigliare La Magnifica Gente, è uscita dall'aula al momento della votazione per eleggere i membri delle sei commissioni consiliari.

Pubblicità

Il capo-gruppo Pellegriti ha così motivato la decisione: "Riteniamo che le promesse di dialogo e collaborazione non siano state mantenute dalla Presidenza del Consiglio, che non può chiamare i capi-gruppi per convocarli il giorno successivo, io ho la fortuna di avere un lavoro e non posso assentarmi con così poco preavviso. Non abbiamo, quindi, partecipato alle riunioni che hanno portato alla formazione delle liste che tra poco si andranno a votare, e quindi noi usciamo dall'aula".

A inizio seduta il Sindaco ha richiesto la parola per informare il Consiglio e la cittadinanza sulla situazione dei mancati pagamenti delle ultime due mensilità degli impiegati comunali, invitando a prendere la parola il ragioniere Garofalo, che ha così spiegato il problema: "Il Comune paga gli stipendi dei dipendenti con i soldi che arrivano dalla Regione e dallo Stato, al momento entrambi i finanziamenti sono bloccati e noi non abbiamo la liquidità per poter procedere con i pagamenti. Nonostante la Regione non inoltri i suoi pagamenti da aprile 2013, siamo riusciti a pagare ugualmente le mensilità di maggio e giugno, ma non siamo riusciti ad andare oltre.

Pubblicità

Speriamo - ha concluso il rag. Garofalo - che domani potremo, almeno, procedere con il pagamento della mensilità di luglio".