Dal palco di Santa Croce a Firenze, dove si stava svolgendo l'ultima serata dello spettacolo 'TuttoDante' di Roberto Benigni, il comico non manca l'occasione per ironizzare sulla manifestazione del Pdl avvenuta a Roma sotto palazzo Grazioli, residenza di #Silvio Berlusconi.

Benigni attacca Berlusconi e i suoi seguaci dicendo che i manifestanti sono stati tutti pagati per partecipare al sit-in e che altrimenti non ci sarebbe andato nessuno.

L'attacco di Roberto Benigni non ha risparmiato anche altri eminenti esponenti del Pdl. Il comico ha parlato della ricomparsa di Bondi e si è rivolto a Daniela Santanchè e Renato Brunetta dicendo: “La Santanchè ha già comprato quattro bazooka e Brunetta è vestito da Rambo”.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il comico toscano, il sit-in di protesta, contro la condanna in Cassazione di Silvio Berlusconi, per il caso Mediaset sarebbe stato tutto una farsa in quanto i partecipanti non erano dei veri militanti ma solo della gente comune pagata per creare indignazione contro la condanna.

Tempestiva la risposta dell'ex ministro Renato Brunetta secondo il quale le parole di Roberto Benigni oltre ad infamare gli organizzatori della manifestazione, diffamano tutte le persone comuni che hanno partecipato al sit-in solo per dimostrare affetto nei confronti di Silvio Berlusconi.

Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei Deputati ha anche attaccato lo spettacolo, di Benigni, 'TuttoDante', dicendo: "Un buon motivo per non andare all'inferno è l'idea di trovarci Benigni che ripete la sua solfa uccidendo Dante”.

Pubblicità