La crisi di #Governo è una realtà ormai innegabile e ci si avvicina sempre più a ore decisive per la politica italiana. Il Popolo della Libertà ha annunciato ufficialmente il suo "rompete le righe" per tutti i ministri berlusconiani del governo italiano nel tentativo di riportare l' Italia al voto il prima possibile.

Dure le parole di Daniele Capezzone, portavoce del PDL, che parla a TgCom24 e a SkyTg24, rimarcando le decisioni che hanno portato alla fatidica scelta.

"Non potevamo accettare l'aumento dell' IVA, non volevamo essere complici di questo duro colpo per le famiglie italiane, abbiamo richiesto a Letta un incontro per parlare di una possibile alternativa ma le cose non sono andate come avremmo voluto".

Pubblicità
Pubblicità

Queste le parole del deputato del PDL che continua parlando di Letta: "Si è adattato alle logiche comuniste sorridendo davanti e pugnalando dietro, avrebbe dovuto subito dare piena attività politica a Berlusconi come espressione di dieci milioni di elettori invece ha preferito non affrontare la cosa".

Ora non resta che aspettare e capire se davvero il PDL sarà compatto verso l'uscita dal governo, su questo punto però il portavoce Capezzone non ha dubbi: "Ciascuno di noi ha le proprie sensibilità e le proprie opinioni, questo è ovvio, ma mi sembra di capire che c'è grande compattezza in questo senso e per noi si potrebbe andare al voto di qui a 45 giorni, prendendo la prima domenica libera direi che l'8 dicembre si potrebbe ritornare a dare voce al popolo elettore".  #Silvio Berlusconi