Indulto e amnistia, Napolitano favorevole nel discorso sulle carceri alle due soluzioni paventate in passato da diverse posizioni politiche. L'intervento del presidente Napolitano su amnistia e indulto ha un forte valore orientativo nella discussione, sempre infuocata, sul sovraffollamento delle carceri ma anche sul possibile sfruttamento da parte di figure politiche di determinati interventi sulla giustizia.

Le ultime notizie sulle discussioni relative ad amnistia e indulto sono tutte incentrate sulla figura di Napolitano che riporta le questioni sotto i riflettori dopo il grande interesse collegato al decreto svuota carceri 2013.

Pubblicità
Pubblicità

Napolitano parla dal carcere di Poggioreale a Napoli. "Pongo al Parlamento un interrogativo: se esso ritenga di prendere in considerazione la necessità di un provvedimento di clemenza, di indulto e di amnistia [...]. Ho pronto un messaggio al Parlamento sulla situazione delle carceri [...]. Mi auguro che il clima politico sia sufficientemente svelenito perché il mio messaggio alle Camere possa avere un'accoglienza serena e garantire che il Parlamento lavorerà nei prossimi mesi."

Parole molto importanti queste di Napolitano sull'amnistia e l'indulto, che trovano la loro base nelle condizioni di sovraffollamento delle carceri che restano disastrose nonostante il decreto carceri approvato nel 2013. Anche Anna Maria Cancellieri, ministro della Giustizia, è intervenuta per ribadire la fondamentale importanza di soluzioni forti al problema del sovraffollamento delle carceri, e sebbene in quest'ultima occasione non ne abbia parlato, sono ben note le sue posizioni a favore dell'amnistia.

Pubblicità

Parlando di indulto e amnistia, le notizie corrono anche verso la valenza politica, in particolare per Silvio Berlusconi, di modifiche alla Giustizia. Di sicuro non mancheranno a breve nuove dichiarazioni delle varie parti politiche: gli interessati al tema amnistia e indulto, quindi, potranno conoscere a breve le evoluzioni della proposta del presidente della Repubblica #Giorgio Napolitano#Governo