Legge di stabilità: possibile aumento del prezzo di benzina e sigarette e detrazioni al 18%. La legge di stabilità varata dal premier Enrico Letta porterà già a partire da quest'anno al taglio delle detrazioni al 18% in modo da poter accumulare una riserva di 20 miliardi. Questi soldi dovrebbero essere una garanzia nei confronti della Commissione Europea come segnale che l'Italia è intenzionata a rispettare il programma di risanamento dei conti pubblici.

La norma per ora resta piuttosto generale. Infatti sarà un decreto del presidente del Consiglio nel 2014 che individuerà e preciserà gli interventi necessari per raccogliere 3 miliardi nel 2015, 7 miliardi nel 2016 e 10 miliardi nel 2017. Proprio tra queste nuove normative ancora da varare potrebbero probabilmente inserirsi gli aumenti delle accise relative a benzina e sigarette.

Se entro il 31 gennaio 2013 non verranno varate norme per il riordino relativo alle detrazioni fiscali, l'aliquota delle spese detraibili scenderà dal 19% al 18% (varrà ad esempio per spese per l'istruzione e spese mediche).

Pubblicità
Pubblicità

Ecco ora alcuni degli interventi previsti dalla manovra: #Governo #prezzi benzina

  • Investimenti (ancora ignote le cifre) per lo sviluppo di infrastrutture a banda larga e ultra larga, come raccomandato dal consiglio europeo.
  • Elezioni previste in un solo giorno come avviene già in molti Paesi europei in modo da risparmiare oltre 100 milioni di euro.
  • Riduzione dei premi Inail contro gli infortuni sul lavoro.
  • Nuovi fondi per l'Agenzia delle entrate per continuare la lotta all'evasione.
  • Bonus ristrutturazioni per elettrodomestici e mobili.