Non finiscono mai i guai giudiziari per Silvio Berlusconi. Dopo la recente condanna per frode fiscale nel processo sui diritti tv Mediaset, entro Natale potrebbe partire il "Ruby-ter", la terza tranche dell'indagine a suo carico nell'ambito della vicenda che coinvolge la giovane marocchina, Karima El Mahroug, meglio nota come Ruby Rubacuori.

Oltre al leader del Pdl, però, a finire questa volta nel registro degli indagati sarebbero anche alcuni testimoni sentiti nei precedenti processi, tra cui molte "olgettine", e i suoi legali, Piero Longo e Niccolò Ghedini.

Ruby e Ruby-bis- La Procura di Milano aprirà la nuova inchiesta dopo il deposito delle motivazioni delle sentenze "Ruby" e "Ruby-bis". Mentre nel primo processo l'ex premier era stato condannato a sette anni di reclusione per prostituzione minorile e concussione per costrizione, nel secondo processo, il cosiddetto "Ruby-bis", Lele Mora ed Emilio Fede sono stati condannati a sette anni di reclusione e Nicole Minetti a cinque, per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile.

Pubblicità
Pubblicità

Ruby-ter- Secondo quanto si è appreso in ambienti della Procura, la nuova indagine dovrebbe essere suddivisa in tre filoni: uno sulle false testimonianze, che coinvolgerebbe le cosiddette "olgettine" ed altri, uno sulla possibile corruzione in atti giudiziari, subornazione dei testi o intralcio alla giustizia relativa a #Silvio Berlusconi, e un terzo su presunte irregolarità nelle indagini difensive che riguarda Longo e Ghedini.

Le iscrizioni saranno un "atto dovuto", dal momento che in sede di lettura del dispositivo i collegi della quarta e della quinta sezione penale avevano già deciso la trasmissione degli atti ai pm in relazione a diverse false testimonianze.  

Gli indagati- Sarebbero state le "olgettine" a rilasciare false testimonianze riguardo a quanto avveniva nelle serate di Arcore e sui proventi percepiti, 2500 euro al mese provenienti dai conti del Cavaliere.

Pubblicità

Nella nuova inchiesta, inoltre, dovrebbe rientrare, tra gli altri, il cantautore napoletano Mariano Apicella, animatore delle "cene eleganti", e anche la funzionaria di polizia Giorgia Iafrate, in riferimento alla famosa telefonata del 27 e del 28 maggio, durante la quale Berlusconi fece pressione per evitare che Ruby finisse in comunità.

Le motivazioni del processo Ruby arriveranno entro il 22 novembre, mentre quelle del Ruby-bis entro il 3 dicembre. Per il leader del Pdl potrebbe scattare il sequestro dei conti correnti dai quali partivano e partono i pagamenti alle ragazze.

Nel frattempo, sabato 19 ottobre, i giudici della terza sezione della Corte d'appello di Milano dovranno ricalcolare la durata dell'interdizione dai pubblici uffici (tra un minimo di un anno e un massimo di tre anni) per Berlusconi, condannato in via definitiva a quattro anni di reclusione per frode fiscale nell'ambito del già citato caso Mediaset.