Sic transit, comincia la crisi. Dopo la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, i ranghi di #Forza Italia fanno quadrato intorno al leader e minacciano il #Governo. Il Presidente della Repubblica Napolitano ha incontrato oggi la delegazione parlamentare di Forza Italia, annunciando la concreta possibilità di un passaggio di consegne dell’attuale governo. “Finite le larghe intese, per Letta ci sarà passaggio parlamentare” ha sentenziato Napolitano nell’incontro. Anche se il governo ha ricevuto l’appoggio sulla legge di Stabilità, però, dopo il colpo di scure caduto sull’ex senatore Berlusconi si preannunciano trincee politiche per far cadere il governo e tornare ad elezioni.

Pubblicità
Pubblicità

Tutto questo preannunciato nel comunicato dell’ufficio stampa del Quirinale.

L’incontro tra Napolitano e la delegazione FI. L’incontro è durato circa un’ora e mezza, in cui l’ambasciata berlusconiana ha avanzato intenzioni di non appoggiare il governo Letta. "La delegazione - si legge in una nota del partito - ha manifestato al presidente della Repubblica la necessità di un’apertura formale della crisi di governo, con le dimissioni del presidente del Consiglio, #Enrico Letta, nelle mani del Capo dello Stato, per affrontare in Parlamento la nuova situazione che scaturisce dalla fine del governo delle larghe intese".

Le dimissioni dei sottosegretari di Forza Italia. I sei “poltronisti”. Così definiti da Formigoni, il manipolo di ministri e sottosegretari targati Forza Italia potrebbero non rinunciare ai loro incarichi di governo.

Pubblicità

Ecco chi sono:

  • · Viceministro agli Esteri Bruno Archi;
  • · I sottosegretari al Lavoro, Jole Santelli
  • · Alle Infrastrutture Rocco Girlanda
  • · Alla Pubblica amministrazione, Gianfranco Miccichè
  • · Agli Affari regionali, Walter Ferrazza
  • ·Cosimo Ferri, sottosegretario alla Giustizia.

Sebbene Miccichè e Santelli hanno messo sul bancone le proprie dimissioni, ma lasciano il placet a Berlusconi, il resto del gruppo non si è ancora pronunciato. E’ lo stesso Alfano a confermare che nessuno dei sottosegretari di Forza Italia si è dimesso, né tanto meno i presidenti di commissione di Camera e Senato. Ma secondo il capogruppo al Senato di FI, Romani, forse le dimissioni arriveranno in serata. Sarà vero? Sarò falso? Dimissioni in stand by, attendere prego.