Il decreto istruzione, con 150 voti favorevoli, diventa Legge. Un passo importante per la #Scuola italiana. Tanti gli argomenti toccati, vediamo i principali provvedimenti.

Per studenti e famiglia: il decreto istruzione prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro da utilizzare per le borse di studio per studenti universitari. 15 milioni invece saranno utilizzati ai più meritevoli che non hanno risorse economiche per studiare. Stanziate somme anche per wireless per accedere gratuitamente a materiali didattici.

Libri di testo: il decreto istruzione stanzia somme per finanziare l'acquisto di libri da dare in comodato d'uso per chi ha problemi economici e non può comprare i libri.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre i docenti sono liberi di sostituire i testi scolastici con altro materiale didattico. Le scuole potranno elaborare materiale didattico digitale da utilizzare come libri di testo.

Orientamento e offerta formativa. Saranno stanziati somme, secondo il decreto scolastico, per l'orientamento degli studenti sulla scelta del loro futuro scolastico e lavorativo coinvolgendo l'intero corpo docente. Saranno versati 13,2 milioni entro il 2015 per potenziare l'insegnamento di Geografia generale ed economica, 3 milioni per finanziare progetti didattici nei musei e siti storici ed archeologici. Saranno potenziati i laboratori scolastici.

Assunzioni: i dirigenti saranno assunti mediante un corso-concorso annuale di formazione. Sarà definito un piano triennale di immissioni in ruolo del personale docente, educativo ed Ata.

Pubblicità

Assunzioni (oltre 26 mila) anche per i docenti di sostegno.

Formazione dei docenti e artistica musicale: con il decreto scolastico saranno stanziati 10 milioni per la formazione docenti e il miglioramento delle competenze. Altre somme saranno utilizzati per gli Istituti superiori di studi musicali pareggiati e per le Accademie di Belle Arti. #Governo