Si sono chiuse alle 15 esatte le urne in Basilicata dove si è votato per il rinnovo del consiglio regionale. Al via ora lo spoglio delle tessere elettorali per queste elezioni 2013 in Basilicata e un dato salta subito all'occhio degli osservatori politici: il calo record dell'affluenza.

La principale notizia è dunque quella relativa alla bassa affluenza dei lucani alle urne causata sia dalla disaffezione generale verso la politica che per i fatti avvenuti in primavera in Basilicata che hanno portato alle dimissioni del presidente Vito De Filippo.

Il Governatore lucano si era dimesso in seguito allo scandalo sui rimborsi elettorali in cui erano stati coinvolti alcuni suoi componenti della giunta.

Pubblicità
Pubblicità

Meno di un lucano su due è andato a votare per le Elezioni regionali di Basilicata 2013. Alle 22 di domenica 17 novembre si era recato a votare solo il 32,51% dei 470mila aventi diritto. Il dato definitivo dell'affluenza è del 47,62%. Sono oltre 15 i punti percentuali in meno rispetto alla tornata precedente.

In questa tornata di elezioni in Basilicata sono stati nove i candidati che si sono presentati. Il candidato Marcello Pittella di "La Basilicata Presente" è appoggiato oltre che dal #Pd anche da Italia dei Valori, Centro Democratico, Partito Socialista Italiano e dalle liste Pittella Presidente e Realtà Italia.

Il candidato di centrodestra Tito Di Maggio di "Per la Basilicata" è appoggiato da Pdl, Scelta Civica, Grande Sud, Fratelli d'Italia, Udc e Mir. Il candidato del Movimento 5 Stelle è Piernicola Pedicini che ha girato la Regione assieme a Beppe Grillo nel corso del #succede tour.

Pubblicità

Gli altri candidati sono Rocco Tauro (La Destra Fiamma Tricolore), Maria Murante (Basilicata 2.0, appoggiata da Sel), Elisabetta Zamparutti (La Rosa nel pugno), Franco Grillo (Regionali 2013), Fiorenzo Doino (Partito Comunista dei lavoratori) e Doriano Manuello (Matera si muove). #Elezioni politiche #M5S